Il Mattino – La furiosa reazione di De Laurentiis, senza risparmiare nessuno. Ecco il perchè del silenzio di Mazzarri

0

Dopo la sconfitta al Maradona contro l’Inter per 0-3, ed una direzione di gara disastrosa da parte dell’arbitro Massa, il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis era furioso, come scrive oggi Il Mattino. “La reazione di Aurelio De Laurentiis è furente, è lui che decide che Mazzarri non debba andare a parlare né in tv né in sala stampa: silenzio totale del tecnico. Ma è un silenzio che fa rumore. L’allenatore del Napoli è quasi più arrabbiato del patron, in tanti cercano da Massa delle spiegazioni che non arrivano e non convincono. Il tecnico le chiede anche al quarto uomo, Rapuano. «Ci sentiamo penalizzati, sono stati fatti degli errori gravi: Massa ha avuto una serataccia, siamo stati mortificati dalle sue decisioni». Tocca al ds Mauro Meluso parlare nella notte che diventa di rabbia per la squadra azzurra. Perché Walterone è nero, nerissimo «e se parla non lo abbiamo più in panchina per le prossime dieci partite». Ci sono dei sospetti che sono esplosi nel finale, telefonate di De Laurentiis ai vertici della Federcalcio e degli Arbitri per protestare per la direzione del Maradona. Una disastrosa direzione dell’arbitro e del Var, che contribuiscono ad agitare spettri ben conosciuti nel mondo azzurro. Ecco il motivo della furente reazione di De Laurentiis, di quelle sue parole di piombo del suo direttore sportivo: «Non facciamo complottismo, non facciamo dietrologia, ma abbiamo perso per gli errori dell’arbitro. E ci spiace per i nostri tifosi». Con il suo arbitraggio, il Napoli si considera danneggiato gravemente. Ora bisogna capire cosa faranno Pacifici e Rocchi: difficilmente Massa verrà sospeso ma di sicuro per quest’anno non arbitrerà più il Napoli. Ormai appare certo“.

Factory della Comunicazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.