Spalletti: “Quando pensi che vada tutto storto e invece vedi quella reazione…”

0
È un Napoli che conferma di non aver paura di nulla. Spalletti prepara la gara alzando lo sguardo dritto negli occhi dell’avversario. Lucianone è al settimo cielo. Non nasconde la gioia. «Ci siamo meritati di passare il turno».
Spalletti, una qualificazione che fa bene all’umore? «È stata una partita di livello, anche perché il Leicester non era cliente migliore per una gara da dentro o fuori. Quando prendi due gol come quelli che abbiamo preso noi nel primo tempo, in situazioni in cui devi avere un atteggiamento diverso, devi spazzare e non lo fa. Quando devi fare i conti con qualche difficoltà numerica e alla fine sembra che tutto vada storto e arriva una reazione della squadra di carattere e di personalità come quella che abbiamo visto, non si può non essere contenti. E io lo sono. Perché questa squadra ha avuto anima, non si è persa nelle difficoltà. Anzi, il Napoli ha vinto la partita nelle difficoltà. E non succede sempre. Quindi ora me la godo questa prestazione e questa reazione».
Vittoria che pesa anche per il morale in vista del campionato? «Rimette a posto tante cose, sono sicuro che da questa vittoria e da questa prova prenderemo tutti più forza per dimostrare quello che siamo, quanto valiamo. La squadra ha trovato da sola la forza per rialzarsi, dopo essere stati rimontati. E invece anche nelle avversità hanno trovato nuovi stimoli. E le avversità che ci sono capitate non sono poche. La mentalità è da grande squadra».
Ha il tuo carattere questa squadra? «Gli assenti sono tanti ed è impossibile giocare così troppo a lungo. Politano si è sentito male nel pomeriggio dopo pranzo, viene dal Covid e deve prendere un po’ di convinzione. Meno male che Manolas ha stretto i denti d è venuto a giocare. Avevo solo tre sostituzioni, e questo dà il senso di quello che abbiamo fatto. Speriamo che a Lozano non sia capitato nulla di grave».
Elmas è stato il grande protagonista? «Lo chiamano tappabuchi, perché dove hai problemi metti lui e lui si mette a fare sempre la cosa giusta. Era dispiaciuto perché alcune cose non gli erano andate a genio nel primo tempo. E allora gli ho detto che se faceva gol mi sarei sdraiato a terra, mi sono trattenuto fino alla fine ma poi non ho resistito. Come può giocare: Esterno a sinistra, mezzala. Non sa qual è il suo ruolo? Bisogna dire che io lo aiuto a fare confusione. Ma per fare un campionato di livello, quando ti mancano 7 calciatori come ieri sera, se non hai un blocco squadra non ne esci bene come abbiamo fatto col Leicester che aveva una struttura fisica superiore a noi, simile all’Atalanta».
Ha sperato nel primo posto? «Il rigore al 98′ del Legia poteva andare diversamente, ma non dite che sono sfortunato perché non lo sono. Io sono fortunatissimo… quindi con me al massimo fanno pari nel gioco di chi è più fortunato».
Ora arriva l’Empoli? «Dobbiamo essere quelli che esprimono un calcio pari alla nostra qualità. Sennò non troveremo mai una squadra che ci fa vincere una partita».
Il Mattino
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.