Colomba, allenatore: “Gattuso? Per ADL è difficile fare un passo indietro”

0

Su 1 Station Radio, è intervenuto Franco Colomba, ex allenatore, fra le tante, di Napoli e Cagliari, ecco le sue parole: “Gli azzurri hanno bisogno di punti contro il Cagliari, faranno la partita, mentre i sardi proveranno in contropiede. Gattuso? Essere messi in discussione a metà stagione capita spesso. Il calcio vive dei risultati del momento, anche a metà stagione o all’inizio può accadere, ma puoi anche ribaltare la situazione. Rino è stato bravo a non perdere la testa, a saper reagire, anche se il rapporto col presidente si è inclinato. Per De Laurentiis è difficile fare un passo indietro, ed il calabrese è molto orgoglioso, ma se analizzassero bene il percorso fatto con la squadra al completo, potrebbero anche pensare di continuare insieme. Bisognerebbe che facessero un passo indietro entrambi e continuare il loro matrimonio: sarebbe la cosa più giusta per la squadra. A Napoli è dura essere discreti, perciò non mi sento di incolpare Adl per la fuga di notizie sui sondaggi. In città trasformano una formica in un elefante, ed è difficile tener nascoste determinate questioni. Chi confermerei dei nuovi? Rrahamani si è proposto bene in qualche partita, Osimhen sta giocando adesso per via di infortuni e Covid. Petagna è stato un buon rincalzo. Lobotka non ha convinto. Chi è il titolare fra Osimhen e Mertens? La città, se potesse, farebbe un monumento a Dries. Ad oggi è lui il titolare, ma l’età avanza e mi aspetto che al nigeriano venga dato sempre più spazio. Victor, però, deve migliorare: non può giocare solo in profondità, deve partecipare di più alla manovra come tutti i centravanti moderni. Potrebbero giocare entrambi, ma questo Zielinski è inamovibile. Lozano? Mi aspettavo la sua esplosione, è un giocatore con caratteristiche importanti. Insigne? È un regista aggiunto, unico per caratteristiche. Nel gestire la palla è il più bravo di tutti lì davanti, ed il Napoli non può farne a meno, è come Totti per la Roma. Politano? Accetta di giocare e di non giocare tranquillamente, è entrato in quest’ottica e si sta ritagliando uno spazio importante. In questo è maturato anche Insigne, non ha più gli scatti di rabbia per le sostituzioni. Io in pensione? Se dovesse arrivare una chiamata, la valuterei”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.