Asd Vindice Calcio, conosciamo meglio questa realtà casalnuovese

Intervista ad Antonio Sannino, direttore tecnico della società

0

Antonio Sannino, Direttore tecnico, dell’Asd VINDICE CALCIO ci parla del progetto della scuola calcio casalnuovese, e delle metodologie seguite.

Qual’è il progetto della VINDICE Calcio?

“La Vindice Calcio è nata grazie alla passione di un gruppo di amici con anni di esperienza sui campi di gioco. Il tutto seguendo tre direttive principali: Competenza, Serietà e Metodo.
L’attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla carta dei diritti dei ragazzi allo sport.
Effettuiamo attività sul territorio Casalnuovese e ci avvaliamo di Centri Sportivi attrezzati che consentono lo svolgimento di un programma per un settore giovanile all’avanguardia. Completano il progetto un ambiente sano ed equilibrato che fanno da cornice alla crescita di bambini e ragazzi”

Perchè un genitore dovrebbe scegliere la VINDICE CALCIO?

Il team di lavoro ha esperienza, professionalità e serietà, con un età media giovanile ma con risorse già qualificate e con una gran voglia di aggiornarsi e crescere. La nostra Associazione ha deciso di sposare un programma di affiliazione ambizioso e serio con l’Udinese Academy. Come recita il suo statuto : “È un Progetto orientato ai giovani che si pone lo scopo di scoprire e valorizzare nuovi talenti, accompagnando i piccoli calciatori in una crescita non solo sportiva, ma anche umana. Il Progetto si basa sull’organizzazione e sull’attenzione ai giovani. Dove tramite una rete di società affiliate su tutto il territorio nazionale e grazie agli Staff tecnici e di scouting che quotidianamente visitano le realtà legate al Progetto di tutta Italia per diffondere i valori di Udinese Calcio.”

Come state vivendo, in società, staff e ragazzi, questo periodo di pandemia?

“In questo particolare momento, dove ci è consentito dai vari DPCM cerchiamo di portare in campo i ragazzi nel massimo rispetto delle norme di sicurezza; organizzando sedute di allenamento individuali evitando inutili assembramenti con un notevole consenso da parte dei genitori che ci affidano i loro figli con entusiasmo.

Quando ciò, non è possibile cerchiamo di ottimizzare i “tempi da casa” in due direzioni principali; una verso i ragazzi con incontri virtuali su tutte le categorie con i vari istruttori su tematiche ben precise e su iniziative di volta in volta nuove che vedono i nostri piccoli atleti protagonisti anche da casa. Una seconda vede l’aggiornamento costante del nostro staff con meeting tecnici interni organizzati dall’Academy Udine con tecnici tesserati Udinese Calcio che ci segue da vicino ed ultimamente abbiamo aggiunto nel nostro staff lo psicologo dello sport con il quale già abbiamo fatto degli incontri specifici tra dirigenti ed istruttori su temi che ci aiuteranno nella nostra crescita costante.”

Ci racconta un aneddoto che ricorda con piacere?

Il ricordo che mi affiora in mente è legato a questo particolare momento in cui le persone “più sagge” stanno davvero soffrendo per il diffondersi di questo virus.
In società abbiamo l’importante presenza di “zia Marga” (Margherita Vata mamma del presidente Giancarlo); che accogli i nostri ragazzi amorevolmente e che sta attenta davvero al massimo livello per la loro incolumità.
Infatti prima di andare a casa i ragazzi dopo le docce devono passare in rassegna davanti a lei e guai se non hanno ben asciutti i capelli…. una donna di altri tempi ed un punto di riferimento per tutta la nostra associazione.

Ci può anticipare qualche novità, riguardante il futuro?

“Il primario obiettivo è di riportare il benessere psicofisico dei nostri piccoli atleti ad una normalità pre-pandemia. Lavoro che ci impegnerà non poco e che sarà effettuato con scrupolo certosino per riavviare le attività; riportare quel sano entusiasmo nei nostri ragazzi che accresce la nostra passione per il calcio.
Inoltre da quest’anno il nostro Comitato Regionale ci sta per individuare come “scuola calcio d’èlite”, un riconoscimento a cui ci teniamo molto.  Che davvero sancisce un lavoro di crescita per l’intero Staff , e che ci inorgoglisce e che ci impone a fare sempre meglio.”

A cura di Antonio Pisciotta

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.