Lorenzo Insigne: “Io e la squadra dovremo migliorare sotto porta”

Il capitano del Napoli fa autocritica per i gol sprecati nell'ultimo periodo

0

Adios. Buonanotte Napoli. Arrivederci alla prossima: la data del ritiro e dunque dell’inizio della nuova stagione è ancora da definire, ma tutto sommato sarà abbastanza presto. Sia chiaro. Oggi, però, si va in vacanza: ferie di quelle vere, non forzate, all’indomani della fine dci una stagione tormentata come poche: i sogni scudetto, l’ammutinamento, l’esonero di Ancelotti, l’arrivo di Gattuso, il fondo e la risalita, la conquista della Coppa Italia e poi le ambizioni di una Champions che ieri s’è fermata in Catalogna. Al Camp Nou. Al cospetto di un Messi stellare che al San Paolo ha trotterellato e che a casa, a casa sua, ha invece dipinto calcio e lanciato il Barça ai quarti. «Dispiace per l’eliminazione: ci abbiamo provato, ma sapevamo che sarebbe stata molto difficile. Dobbiamo migliorare in fase realizzativa, io per primo». Parola di capitano, Lorenzo Insigne: uno che al di là di tutto ha stretto i denti fino alla fine.

Come Gattuso: «Ho il nervoso perché si poteva fare oggi, ma quando sbagli questi non ti perdonano: abbiamo avuto mezzora di blackout e preso tre gol incredibili».

Poi, un abbraccio molto singolare all’amico Andrea Pirlo, neo allenatore della Juve: «Posso dirlo? So cazzi sua adesso! E’ un lavoro stressante, ma beato lui che comincia dalla Juve. Un grande in bocca al lupo».  

Fabio Mandarini

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.