Serie A: Ecco le due partite che andranno in chiaro

0

Il lavoro portato avanti da Governo e Lega ha dato risultati un po’ di calcio ora è più chiaro

Intesa raggiunta:

  • Verona-Cagliari sul canale Youtube di Dazn
  • Atalanta-Sassuolo va su TV8
  • Si lavora sulla compressione dell’embargo degli highlights

L’accordo per trasmettere due partite in chiaro del campionato di A è a un passo. La prima sarà Hellas Verona-Cagliari, alle 21,45 di sabato (sul canale YouTube di Dazn), la seconda Atalanta-Sassuolo alle 19,30 di domenica (su TV8). Il lavoro del ministro Spadafora e dell’ad della Lega De Siervo con i broadcaster ha pagato e, anche se l’intesa non è ancora stata sancita (serve poi un atto normativo del governo per superare i vincoli dell’attuale legge), non è mai stata così vicina. Come è stata raggiunta? Niente pubblicità da un quarto d’ora prima del fischio d’inizio a un quarto d’ora dopo la fine. Così Mediaset e Discovery hanno deposto le armi. Se ne parlerà anche oggi, con la speranza che la fumata bianca arrivi domani o venerdì. Prossima pure l’intesa per anticipare la messa in onda degli highlights (l’ipotesi è 2 ore dopo il fischio d’inizio) per Rai e Mediaset.

SPADAFORA E DE SIERVO

Il ministro a “Porta a Porta” non ha nascosto il suo ottimismo: «Siamo a buon punto perché ho avuto la disponibilità da tutti i soggetti: se avessi avuto solo quella di Sky e non degli altri ci sarebbero problemi. Dobbiamo trovare delle forme che garantiscano un po’ tutti per offrire le gare e gli highligts in un tempo minore. Nelle prossime 24-48 ore dovremo avere una soluzione. Se ci sarà un accordo sarà grazie alla consapevolezza di Sky, Rai, Mediaset e Dazn di offrire un servizio importante in questo momento storico ai cittadini. Quante partite in chiaro? Credo un paio». Quali lo ha spiegato l’ad della Lega De Siervo: «Dovrebbero essere Atalanta-Sassuolo, per omaggiare Bergamo, ed Hellas-Cagliari. Siamo all’interno di una legge Melandri molto vincolante, ma grazie a quest’intesa risolveremo i problemi tecnici. Questi due incontri saranno un’eccezione perché in Italia una cosa simile non è mai successa. Il ministro ha voluto fare un regalo agli italiani. Stiamo inoltre portando avanti un lavoro per la compressione degli embarghi sugli highlights almeno per le prime giornate». Maximo Ibarra, amministratore delegato di Sky Italia, ha chiuso: «Noi abbiamo dato al ministro Spadafora la massima disponibilità, ma non siamo titolari dei diritti in chiaro. Siamo pronti a collaborare».

SOLDI DAI BROADCASTER

Buone notizie anche da Dazn e Img: è arrivata la loro accettazione a pagare in due trance l’ultima rata dei diritti tv (una il 27 giugno, l’altra il 20 luglio). Per i presidenti della A una boccata d’ossigeno e un po’ di liquidità. Niente aperture su questo versante da Sky: si aspetta la decisione del tribunale di Milano sul decreto ingiuntivo, ma la Lega è ferma nella sua volontà di non consentire alla tv di Rogoredo la trasmissione dei match delle ultime 6 giornate, quelle finora non saldate.

CONTRATTI E COPPA ITALIA

Domani l’assemblea della A si esprimerà sulla bozza d’accordo per il prolungamento dei contratti. Ci siamo quasi. Capitolo Primavera: confermata la sospensione definitiva del torneo anche perché molti Primavera sono aggregati alle prime squadre. A fine agosto invece si giocherà la finale di Coppa Italia, Fiorentina-Hellas. Fonte: CdS

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.