Il pagamento del debito del Napoli favorirà i meno abbienti, ecco come

Abbonamenti agevolati dei trasporti pubblici ai circa 10mila incapienti napoletani

0

La convenzione – è utile sottolinearlo – è di 5 anni più altri 5 a valere dalla stagione 2018-19 e mette la Società nelle condizioni di poter programmare il futuro per due lustri. Convenzione che ha un valore intrinseco molto forte nel senso che anche nell’ipotesi di una cessione della Ssc Napoli l’acquirente si troverà con la possibilità di utilizzare un impianto che oggettivamente è molto migliorato. De Laurentiis avrà la possibilità di fare ulteriori lavori negli spazi in concessione dati dalla convenzione. Il patron nei mesi scorsi ha manifestato questa volontà, tuttavia la sensazione è che per l’anno in corso sia difficile aprire nuovi cantieri nell’impianto di Fuorigrotta, più concretamente De Laurentiis magari penserà a qualche progetto da realizzare tra qualche tempo. Inoltre il patron, se avesse necessità di allargarsi, può contare sul fatto che nel patto tra Comune e club c’è anche questa opzione. Naturalmente gli spazi aggiuntivi andrebbero pagati dalla Società al netto della stessa convenzione. Sul fronte politico, il fatto che la Ssc Napoli abbia saldato i debiti ha alleggerito e di molto la pressione che il Consiglio comunale ha fatto in questo periodo sull’argomento. Nino Simeone di Agorà non ne ha mai fatto mistero: «Saldati i debiti – spiega – ora si può firmare la convenzione. Parte di questi 4,4 milioni pretenderò che vengano utilizzati per garantire finalmente gli abbonamenti agevolati dei trasporti pubblici ai circa 10mila incapienti napoletani».  Fonte: Il Mattino

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.