Avellino, Lupi in ritiro in attesa del verdetto

0

Un pool di esperti è al lavoro per redigere il ricorso che l’Avellino dovrà presentare al Collegio di Garanzia del Coni per tentare di ottenere la licenza per la partecipazione al prossimo campionato di serie B negata dalla Figc, su espresso parere della Covisoc. Ora si tenterà di dimostrare che la polizza fidejussoria, inizialmente presentata, ha le caratteristiche necessarie per essere accettata, ovvero il rating diretto della società emittente. Non sarà facile smontare quanto asserito dai rappresentanti della Covisoc ma è l’unico e ultimo tentativo a cui aggrapparsi per evitare di vedere scomparire un’altra volta l’Avellino dalla mappa calcistica professionistica, dopo il fallimento di dieci anni fa. Fino a tarda ora, ieri, docenti universitari e altri esperti in materia, hanno discusso le parti fondamentali del ricorso che sarà redatto entro domani sera.
RICORSO AL COLLEGIO DI GARANZIA DEL CONI. Sarà l’avv. Giampaolo Calò a sottoscrivere l’atto: valido professionista ed esperto di diritto sportivo, fa parte dello studio dell’avv. Eduardo Chiacchio il quale fornirà comunque il suo apporto, nonostante i rapporti non più idilliaci con l’Avellino, che ha difeso in ben 42 processi sportivi negli ultimi tre anni. «Lo farò per i tantissimi tifosi che mi hanno contattato», ha sottolineato il legale che ha un contenzioso con rappresentanti dell’Avellino per il recupero di un ampio credito.
Mentre si registrano voci di possibili cordate facenti capo a soggetti pronti a ripartire dalla serie D (con una nuova denominazione) la tifoseria ha dimostrato solidarietà nei confronti della squadra e ostilità verso il presidente Taccone dedicandogli uno striscione (“Hai umiliato un’intera tifoseria, vattene”) esposto dinanzi allo stadio Partenio. Dopo la figura più che dignitosa espressa in amichevole contro la Roma, la squadra è rientrata nella nottata da Frosinone e, nel pomeriggio, ha ripreso gli allenamenti accolta da tanti tifosi che hanno applaudito i calciatori, al lavoro in un clima di comprensibile incertezza. Possibile l’annullamento delle amichevoli contro Virtus Francavilla (martedì 24) e Cavese (sabato 28) al Partenio, in attesa della sentenza di appello.
Corriere dello Sport

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.