Fiore: “Lobotka? Ci sono due motivi dietro al suo calo”

Fiore: "Lobotka? Ci sono due motivi dietro al suo calo"

0

L’ex calciatore di Udinese e Lazio, Stefano Fiore, è intervenuto in diretta su 1 Station Radio durante la trasmissione 1 Football Club, parlando del momento attraversato dal Napoli e commentando la situazione in Serie A.
Ecco le parole di Stefano Fiore:
Qualificazione raggiunta dalla Lazio? E’ un obiettivo importante. Vista anche la partenza non brillantissima in campionato. Era un girone alla portata, anche se bisogna sempre giocarle le partite, soprattutto in Champions. Nonostante la Lazio fosse decisamente più forte, i biancocelesti hanno risolto la partita soltanto nei minuti finali, grazie al giocatore più discusso. Vedremo se questa vittoria garantirà energie nuove anche in campionato. Contro il Napoli sfida facile per il Real Madrid? Non credo sia una partita che il Real pensi di vincere facile. In Europa troppe volte ci sono stati risultati inaspettati. È vero che l’Europa è la casa dei Blancos, ma avere ragione di questo Napoli non sarà facile. A Bergamo, gli azzurri hanno dimostrato di avere determinazione. La sfida del Bernabeu, difatti, può essere utile soprattutto al morale. Il ritorno di Osimhen? Quando hai a disposizione un giocatore così fondamentale è difficile lasciarlo fuori. L’allenatore dovrà fare delle valutazioni a 360 gradi, e la sua responsabilità deve poter guardare oltre. Gli equilibri sono important. Inizio di stagione sottotono per Lobotka? Lo scorso anno, anche se la scena è stata rubata da altri giocatori, è stato tra i calciatori più in forma. Dopo una annata travolgente, è comprensibile vive un calo di condizione. Anche il cambio di allenatore può aver inciso. Chi ha giocato ad alti livelli sa quanto sia difficile mantenere un livello di rendimento sempre al top. Lo scontro tra Bellingham e Kvaratskhelia? Sono due giocatori molto bravi ma anche molto diversi. L’inglese ha avuto un’esplosione incredibile. È vero che aveva già dimostrato le sue qualità al Borussia, ma non mi sarei aspettato questo rendimento dopo così poco tempo al Real. L’assenza di Benzema gli ha permesso di giocare molto a ridosso dell’area di rigore e, dunque, Bellingham si è mostrato un calciatore incredibile. Kvara, allo stesso modo del giocatore del Madrid, ha saputo imporsi. Speriamo che questa sera possano essere decisivi entrambi. Elmas mezzala? Credo di sì, è molto più centrocampista che attaccante esterno. È un calciatore che deve stare in mezzo al campo, che ha palleggio, rifinitura e gol. Credo che il ruolo dove possa esprimere al meglio le sue caratteristiche sia la mezzala. Dove potrebbe giocare Lindstrom? E’ un calciatore più anarchico, meno decifrabile rispetto al macedone. Lo lascerei più libero, un po’ come Bellingham. Ha bisogno di cercare la posizione migliore anche se, in un 4-2-3-1 lo vedrei bene dietro le punte. Che effetto può fare il Bernabeu? Non nascondo un po’ di invidia, sono le emozioni più belle che ti restano quando no giochi più a calcio. Si parla troppo di stipendi e di ingaggi, tralasciando le vere fortune emotive del calcio. Quando ci giocai io, erano i tempi dei Galacticos di Zidane, Ronaldo e Beckham. La storia che respiri quando entri in uno stadio come il Bernabeu è un qualcosa che può anche bloccarti“.

Factory della Comunicazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.