Campilongo, allenatore, critico: “Natan? Non si prende troppe responsabilità. Scarica sempre sul compagno in maniera facile”

0

L’allenatore, Salvatore Campilongo, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo alla trasmissione Punto Nuovo Sport Show.

Factory della Comunicazione

Il feeling tra squadra, città e Garcia non è mai sbocciato. E’ un dato di fatto, confermato dal fatto che Mazzarri ha impiegato pochissimo nell’entrare subito nel cuore e nella testa dei giocatori. Ha dato grande serenità al gruppo, che lo ha riconosciuto e lo ha seguito a Bergamo. Walter ha una esperienza enorme, sa come gestire certe situazioni e ha aperto un canale con il Napoli di Spalletti. Si è rivista una squadra compatta, anche se qualche difetto è rimasto visibile. Gol di Lookman? Di Lorenzo poteva anche seguirlo, senza lasciarlo entrare nello spazio di Rrhamani. Invece quando ha preso il tempo al difensore centrale, il gol è stato quasi automatico. In difesa si sente ancora tanto l’assenza di Kim. Ora senza Olivera e Rui, continuerei con Juan Jesus titolare, senza cambiare fascia al capitano. Natan? A Bergamo mi è piaciuto molto, ma è ancora giovane e non si prende troppe responsabilità. Scarica sempre sul compagno in maniera facile. Mazzarri ora deve lavorare molto sulla fase difensiva. Spalletti aveva con sé Baldini, il collaboratore che più ha inciso sulla tenuta della squadra. Con Garcia sembra che la fase difensiva sia stata poco curata e ora Walter dovrà metterci mano. Osimhen? Senza di lui, Elmas non fa mai quel gol. E’ un attaccante che fa la differenza, uno dei migliori al mondo e il Napoli ha assoluto bisogno di lui. La squadra ha un altro peso con lui in campo, i compagni si sentono anche più sereni nel lanciare lungo”.
Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.