Da Lanini a Petrelli, le plusvalenze fittizie della Juve con i giovani della primavera

Inchiesta Juve: l'edizione odierna de Il Mattino traccia un dossier delle possibili plusvalenze fittizie del club bianconero con i giovani della primavera

0

Non finiscono i guai per la Juve nell’inchiesta aperta dalla procura di Torino che ha gettato nel caos il mondo bianconero.

Factory della Comunicazione

Un mondo, ad oggi più nero che bianco: l’edizione odierna de Il Mattino traccia un dossier su tutte le plusvalenze fittizie del club piemontese:

 

IL DOSSIER

Così fan tutti. Vero, in parte. Perché il problema non è andare alla ricerca di plusvalenze ma farle con giovani sconosciuti (che rimarranno tali anche negli anni a seguire), gonfiando oltremodo i costi delle cessioni. Per poi avere il tempo di ammortizzarli nei bilanci successivi, sistemando intanto quelli attuali.

In tal senso se l’apparato accusatorio della Procura difficilmente potrà scalfire valutazioni legate a compravendite di calciatori d’élite come Cancelo o Pjanic – pur sottolineando come il prezzo di vendita dei suddetti è superiore del 4% e del 23% se rapportato ai siti specializzati Transfermarkt, Cies e Football Benchmark – diverso il discorso per i vari ragazzini della Primavera bianconera, ceduti dal 2019.

I VALORI

Pur non avendo un valore ufficiale per le compravendite, il sito Transfermarkt regala una fotografia esaustiva di quanto un giocatore può costare. E la differenza, in molti casi, tra il prezzo al quale è stato ceduto e il valore del ragazzo aveva già fatto storcere il naso al procuratore federale Giuseppe Chinè.

Elia Petrelli, ad esempio, classe 2001, nel 2021 viene trasferito (insieme a Portanova, valutato 10 milioni) al Genoa nell’affare per l’acquisto di Nicolò Rovella, costato 18. Petrelli in quel giro di scambi viene valutato 8 milioni, più o meno il 3100% in più del reale valore dell’attaccante, che si aggira all’epoca sui 250mila euro.

MOSSE ALL’ESTERO

Non è il solo. Lanini, Francoforte, Gerbi, carneadi ai più, vedono il loro cartellino gonfiarsi con rincari che oscillano tra il 400% e il 1600%. Tuttavia come con il Genoa, gli scambi continuano. Pablo Taboada nel 2019 è ceduto al Manchester City per 10 milioni. In cambio i bianconeri acquisiscono Felix Correia per 10,5 milioni. E poco importa che entrambi per i siti di riferimento valgano un milione: la doppia operazione produce una plusvalenza per i club di 9,5 milioni.

Accade anche con Franco Tongya e Marley Ake con il Marsiglia. Uno entra, l’altro esce, entrambi valutati 8 milioni. Non si muove quindi un euro ma la manovra regala ossigeno ai rispettivi bilanci. Si dirà: ma poi i club dovranno caricarsi il valore dei cartellini. Vero, ma queste operazioni vengono effettuate sempre con ragazzi giovanissimi. Tempo per ammortizzare i costi non mancherà.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.