A MENTE FREDDA (RUBRICA)- Tutte le curiosità su Benevento-Napoli

Approfondimento su Benevento-Napoli

0

Benevento-Napoli: bellissimo e intenso il derby campano di ieri pomeriggio con gli azzurri che alla fine hanno potuto esultare.

Alla fine il Napoli è riuscita a spuntarla al cospetto dei cugini del Benevento, ma i giallorossi raccolgono tanti applausi. Ecco gli spunti del match:

  • L’impresa alla Zidane: se il francese è entrato nella storia col Real Madrid per i tre anni consecutivi di Champions, il Napoli sembra indirizzato a un altro “triplete” un pochino meno prestigioso. Infatti negli ultimi due anni gli azzurri sono arrivati al primo posto in Europa per numero di pali colpiti, e i quattro di ieri (compreso quello su gol) li proiettano anche in questo inizio di stagione in pole position.

 

  • Fratelli coltelli: in questa partita c’è sicuramente un vincitore, ovvero Insigne padre. Quanti possono gonfiare il petto e un giorno raccontare di aver visto giocare due figli contro in Serie A ed entrambi a segno? A proposito complimenti anche a Roberto per il primo gol in Serie A, anche se forse avremmo preferito aspettare il prossimo turno..

 

  • Eppur si muove: il sottoscritto crede poco al caso e negli ultimi 180 minuti due tiri subiti e altrettanti gol al passivo, anche se difficilmente parabili, mettevano un pochino in discussione Meret. Per chi ha tantissima stima del portierino azzurro, specie dopo averlo visto negli ultimi due anni fare miracoli contro Liverpool e PSG, non può non essere dispiaciuto per l’involuzione. Eppure al 97’ il numero uno partenopeo finalmente mette il suo sigillo sul match deviando in angolo una velenosissima punizione di Sau. Piccoli e incoraggianti segnali di risveglio..

 

  • La verità è in mezzo: non sarà la squadra che ha massacrato l’Atalanta otto giorni fa, ma nemmeno quella lenta e compassata di giovedì in Europa. Il campionato è lungo e frenetico e non sempre si può vincere 6-0, ma va detto che quattro pali, un gol annullato e almeno cinque occasioni nitide fanno chiarezza sulla legittimità del risultato.

 

  • Il peso mancante: premessa a mio avviso il rigore su Lozano puoi non fischiarlo, ma se sei uno dei club che conta davvero i mezzi falli ti vengono dati quando in difficoltà (per maggiori chiarimenti contattare in privato). E invece ad ogni mezza guerra (contro l’AIA lo scorso anno o la Lega venti giorni fa) il Napoli ne esce spesso con le ossa rotte. Urge una rapida crescita societaria se il club vuole davvero lottare per qualcosa..

Articolo a cura di Marco Lepore

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.