Vincenzo De Luca (pres. Regione Campania): “Agnelli? L’onore va conquistato. Le sue dichiarazioni sono state penose”

Il presidente della Regione Campania non le manda a dire

0

Nel solito intervento del venerdì il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è tornato sulla questione Asl Napoli 2 e sulle polemiche del mondo del calcio. “Non ci hanno nemmeno ringraziato, abbiamo evitato di contagiare Ronaldo! Avremmo conquistato i titoli del New York Times. L’Asl mette in isolamento i contatti stretti dei positivi e si assicura che i tamponi siano negativi Qui interviene la Federazione gioco Calcio, col suo protocollo in deroga alla disposizione del Ministero e della Regione. E si apre un polverone. Il protocollo non conta niente perché è un atto privato, non conta dal punto di vista della legge e della sanità. I giocatori sono sottoposti alle stesse regole di tutti i cittadini italiani. Il Napoli non parte perché è in quarantena.La Juve con Agnelli fa una dichiarazione penosa, imbarazzante. Hanno comunicato che andavano a fare una dura competizione con i raccattapalle. Il presidente della Juve è uomo appassionato anche di filosofia, gli ricordo Schopenhauer: la gloria bisogna conquistarla, l’onore basta non perderlo. Se io mi fossi comportato così sentirei di aver perduto il mio onore sportivo. Che cosa rimane in questo atteggiamento dello spirito sportivo. Di cosa parliamo? Parliamo di competizione sportiva onesta. Come ci si può ridurre alla meschinità di pretendere di vincere l’incontro con antagonisti messi in quarantena da un Asl. Persino Mancini ha fatto dichiarazioni che si poteva risparmiare. Ognuno deve fare il suo mestiere. Capisco che il mondo del calcio coinvolge tanti grandi interessi, ma ci deve essere un punto limite oltre il quale lo sport non è più sport. Chi non ha lealtà e onore non può parlarne“.

Fonte: ilnapolista.it

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.