Serie B – Vicenza-Pordenone: di Diaw e Cappelletti le firme

0

Ore 18:15

Vicenza-Pordenone 1-1 Diaw (P) 54′, Cappelletti (V) 62′

VICENZA (4-4-2): Grandi, Bruscagin, Cappelletti, Padella, Beruatto, Vandeputte (Giacomelli 58′), Rigoni, Pontisso (Cinelli 83′), Dalmonte (Zonta 83′), Meggiorini (Guerra 63′), Gori (Marotta 58′). A disposizione: Perina, Barlocco, Bizzotto, Ierardi, Pasini, Cinelli, Zonta, Scoppa, Giacomelli, Jallow, Marotta, Guerra. Allenatore: Di Carlo.

PORDENONE (4-3-3): Bindi, Vilgiacco, Camporese, Barison, Falasco, Rossetti (Pasa 88′), Calò, Magnino, Gavazzi (Musiolik 67′), Ciurria (Scavone 67′), Diaw. A disposizione: Passador, Stefani, Bassoli, Berra, Chrzanowski, Scavone, Pasa, Misuraca, Musiolik, Secli Butic. Allenatore: Tesser.

Arbitro: Camplone.

Ammoniti: Diaw (P) 19′, Bruscagin (V) 22′, Gavazzi (P) 32′, Calò (P) 69′, Camporese (P) 75′, Rigoni (V) 76′, Vogliacco (P) 85′.

Note: recupero p.t. 4′, recupero s.t. 5′.

Primo tempo. Primo brivido al 17′ col tentativo di Dalmonte a lato non di molto dopo un’azione corale, al 27′ Ciurria controlla la sfera e calcia ma Grandi è reattivo e blocca la sfera. I ritmi non sono altissimi ed entrambe le squadre faticano a rendersi effettivamente pericolose, nel finale di tempo sugli sviluppi di un angolo Diaw appoggia per Barison che di testa in tuffo spreca tutto così al duplice fischio si va a riposo a reti inviolate.

Secondo tempo. Nella ripresa Diaw sblocca il punteggio portando in vantaggio il Pordenone con un preciso diagonale a fil di palo, al 62′ arriva il pareggio vicentino con la splendida rovesciata di Cappelletti sugli sviluppi di un piazzato battuto da Rigoni. Nel finale nessuna delle due squadre riesce a segnare il goal vittoria così al triplice fischio la sfida del Menti termina 1-1.

Classifica Provvisoria: evidenziate le squadre con una gara in meno

Reggina 4-Salernitana 4-Reggiana 4-Empoli 4-Lecce 4-Cittadella 3-Frosinone 3-Venezia 3-SPAL 2-Cosenza 2-Monza 2-Pordenone 2-Pisa 1-Brescia 1-Chievo 1-Pescara 1-Vicenza 1-Ascoli 1-Entella 1-Cremonese 0-

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.