Gattuso parla di Osimhen: “Non dimentica la sua infanzia”

0

Dice sempre ciò che pensa, Rino Gattuso. Nell’ ambiente calcio lo sanno tutti. E tutti lo apprezzano per questo. Nel momento in cui gli sono state chieste le prime impressioni su Osimhen, il tecnico azzurro non si è nascosto:

Osimhen ha avuto un buon impatto con la nostra serie A? «Mi colpisce la sua serietà, non dimentica da dove è partito e i sacrifici che ha fatto. È un ragazzo con la testa di un 40enne e io l’ho capito fin dalla prima telefonata che gli ho fatto ed è per questo che ho rotto le scatole a Giuntoli perché convincesse il presidente a prenderlo. Spero che non commetta degli errori e non cambi atteggiamento. In questo momento è più forte di quello che dimostra in mezzo al campo. E ci ha consentito di giocare in modo diverso: nel primo tempo abbiamo commesso l’errore di non attaccare mai la profondità».
Sembra quasi che stia qui da una vita il nigeriano. «Con Victor è tutto facile, in 4-5 giorni ha cominciato a scherzare nello spogliatoio, se non hai carisma e non sei intelligente non diventi amico di tutti e scherzi con tutti dopo 4-5 giorni». 
Può rischiare di più vista la prestazione dei centrali di difesa di oggi? «In alcuni momenti abbiamo giocato con la difesa tre più uno, perché uno dei due centrali saliva in costruzione Dobbiamo cambiare un po’ di cose se vogliamo giocare a tutto campo: invidio a chi lo sa fare, non sono preparato abbastanza».

 

Fonte: Il Mattino

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.