FIGC – Codice Anti-Furbetti: Ecco cosa si rischia aggirando il protocollo

0
Linea Figc: 5 cambi sì, trucchi no

Ufficiali le sostituzioni extra (in tre fasi di gara). Positivi nascosti o “dichiarati” ad arte: rischio retrocessione.

La norma anti furbetti e l’accordo per i prolungamenti dei contratti. Oltre all’ufficializzazione… dell’algoritmo e alle licenze nazionali per la prossima stagione, saranno questi due i piatti forti del Consiglio Federale di lunedì, le due norme indispensabili per far ripartire il campionato 2019-20 e per cullare la speranza di poter disputare tutti gli incontri rimasti.


CODICE ANTI FURBETTI

Il presidente Gravina si è speso in prima persona su questo punto e non intende fare passi indietro. Nell’incontro con le componenti federali di giovedì lo ha chiarito: per abbassare il rischio di contagio nel gruppo squadra, è necessario applicare il protocollo medico sanitario alla lettera.

Vietato posticipare i tamponi (previsti ogni 4 giorni) o addirittura saltarli. Non saranno tollerate violazioni o comportamenti antisportivi. In via Allegri si vuole evitare che qualcuno possa provare ad approfittare dell’attuale impossibilità di variare la norma sulla quarantena “nascondendo” un caso di Covid o viceversa facendolo saltar fuori nel momento più opportuno.

Diabolico pensare a queste due ipotesi?

Dopo la fatica fatta per far ripartire il campionato il numero uno della Federcalcio, il segretario generale Brunelli e gli uomini dell’ufficio legale analizzano tutti gli scenari e si stanno tutelando dal punto di vista giuridico.

Come?

Stabilendo le “pene” per coloro che eventualmente si renderanno protagonisti di comportamenti scorretti. Naturalmente per le sanzioni si farà riferimento al codice di giustizia sportiva e a ogni possibile infrazione sarà associata la violazione di un articolo del Cgs. Per le violazioni più gravi la punizione potrà arrivare fino all’esclusione dal campionato.

Lo spettro della retrocessione d’ufficio è giudicato utile a scoraggiare eventuali malintenzionati. A sorvegliare sul fatto che tutti abbiano comportamenti corretti vigileranno gli ispettori federali e gli uomini dell’ufficio antidoping. Una panoramica più chiara della situazione la dovrebbe individuare e mettere in funzione un ente terzo per il controllo dei tamponi ai quali il gruppo squadra si dovrà sottoporre (la Commissione medico scientifica federale dovrà cadenzare i test molecolari il giorno prima della partita di ogni formazione). La Figc ci sta ancora lavorando. Fonte: CdS

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.