Sebastiani (pres. Pescara): “Il protocollo medico per la Serie B è pesante”

0

Daniele Sebastiani (presidente Pescara) ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Punto Nuovo durante la trasmissione Punto Nuovo Sport Show: “Se si dovessero fermare i campionati, si potrebbe assistere ad un nulla di fatto. Noi siamo tutti per giocare, facendo anche grossi sacrifici, il protocollo medico per la Serie B è pesante, ma siamo tutti disponibili per finire la stagione e giocarci sul campo promozioni o retrocessioni. Fare un passo avanti senza sapere cosa fanno gli altri, serve a poco. Nessuno di noi può decidere chi far retrocedere o promuovere, per un cambio di format bisogna passare per il Consiglio Federale. Credo che anche in Serie C ci sia una grande fetta di società che voglia portare a termine il campionato. De Laurentiis? Non l’ho sentito, ma è anche lui intenzionato a ripartire”.

Bari?

“Ogni situazione che non sia risolta sul campo lascerà qualcuno contento e qualcun altro no. E’ naturale che la società è delusa da questo tipo di decisioni, ma se non si gioca qualcuno resterà sempre deluso e qualcuno sarà più soddisfatto. Noi in Serie B vogliamo giocare, facendo grandissimi sacrifici per dare corso a questo protocollo molto pesante. Non tutti hanno le strutture adatte, ma la volontà è quella di ripartire. Il merito sportivo in Serie B, sulla carta, ce l’hanno due squadre perché avanti a tutti ed il demerito quelle che sono dietro. Si può pensare ad un playoff allargato per decidere sul campo, ma un altro piano potrebbe essere una stagione andata via, lasciare tutto com’è, ma pensate al Benevento che ha stravinto il campionato e rimane un altro anno in Serie B”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.