La Bundesliga limita i danni ripartendo, in Ligue 1 invece…

0
FRANCIA E GERMANIA

Ma i numeri di cui tener conto forse sono altri. Perché è la Bundesliga a rappresentare la cartina di tornasole più simile a quella italiana: decidendo di tornare subito in campo, infatti, in Germania possono limitare i danni, perdendo «appena» 2,19 milioni di euro di valutazione per ogni calciatore, anziché 3,36 milioni, con una mancata perdita di 484 milioni di euro. Praticamente come in Serie A.

Che sbaglierebbe, conti alla mano, a guardare l’esempio della Ligue 1, che stoppando subito il campionato dovrebbe vivere una svalutazione complessiva di 362 milioni di euro, quasi tutti riferiti ai top player del Psg: solo Neymar e Mbappé secondo Kpmg hanno avuto una svalutazione di 86 milioni, pur restando i due calciatori con la valutazione più alta al mondo. Fonte: CdS

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.