Coronavirus: in bilico la salute mentale dei calciatori professionisti

In aumento i casi di depressione, maggiormente tra le donne

0

Raddoppiano i casi di depressione tra i calciatori professionisti, per l’emergenza coronavirus e ad esser maggiormente colpite sono le donne. È la denuncia contenuta in una ricerca condotta dal sindacato mondiale dei giocatori professionisti, FifPro, in collaborazione con l’ospedale universitario di Amsterdam, arrivata alla conclusione che in media soffrono di sintomi depressivi oltre il 10% degli atleti. Il sondaggio ha coinvolto circa 1.600 atleti di diversi paesi, dall’Europa agli Usa. Secondo i risultati, «il 22% delle donne e il 13% degli uomini ha riportato sintomi compatibili con la diagnosi di depressione». Uno stato di “ansia generalizzata” è stato segnalato dal 18% delle giocatrici e dal 16% dei giocatori intervistati. Oltre il 75% dei giocatori intervistati, ha riferito di avere accesso a risorse e supporto sufficienti per la propria salute mentale.

CdS

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.