“C’è carenza, il più bravo resta Kolarov!” – parola di Andrea Dossena

0

Il congedo da Napoli fu sofferto per Andrea Dossena. L’aveva scoperta e fu difficile lasciarla andare: «Ricordo ancora il giorno in cui decisi di andare via, al Palermo, dove dopo sette giorni, quando capii che nessuna delle promesse che mi erano state fatte sarebbe stata mantenuta». E a sinistra, però anche a destra, sembra di essere ai margini, aree dimenticate d’un football che guarda spesso altrove: «In genere, un club pensa sempre prima ai portieri, ai centrocampisti, agli attaccanti, alle mezze ali, ai centrali. I fluidificanti, come si diceva una volta, vengono dopo. E mi sembra che ci sia poco in giro adesso: in Italia bene gli esterni dell’Atalanta, Gosens e Hateboer, Theo Hernandez del Milan, Di Lorenzo che è stato l’acquisto più azzeccato del Napoli e Mario Rui; ovviamente Alex Sandro e Danilo della Juventus, poi mi piace Lirola della Fiorentina. Ma non vedo in giro gente che possa indurre a follie: pensi che per me il più bravo resta ancora Kolarov, che mi pare compirà trentacinque anni tra un po’».

CdS

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.