CHAMPIONS LEAGUE – Napoli-Barcellona 1-1, i top e i flop della squadra azzurra

0

Il Napoli è uscito tra gli applausi contro il Barcellona, un pari che da un lato è da considerare positivo, ma un pizzico di rammarico per le occasioni avute nella ripresa. Dopo un primo tempo dove il possesso palla estenuante, gli azzurri prendono coraggio e passano, Zielinski recupera palla e serve Mertens che calcia a giro, palla in rete. Nel secondo tempo esce il belga e gli sagnoli pareggiano con Griezmann, qui la squadra di Gattuso si fa leggermente sorprendere. Il Napoli però ha le occasioni per tornare in vantaggio, ma prima Insigne e poi Callejon, soprattutto l’ex Real Madrid, sprecano davanti a Ter Stegen. Nel finale Barcellona in dieci per il doppio giallo ai danni di Vidal molto nervoso. Al “Camp Nou” sarà difficile, ma gli azzurri se la giocheranno. Ecco le pagelle della gara del San Paolo.

Top 

Di Lorenzo 6 – Rispetto alle ultime partite dove l’ex Empoli ha avuto alti e bassi, questa sera ha giocato una gara molto attenta. Non soffre le incursioni di Junior Firpo e a tratti si fa vedere in avanti. Cala in fase di spinta, ma è sempre a combattere fino alla fine.

Manolas 6,5 – Il difensore greco quando vede il Barcellona, si esalta e sfiora anche la rete personale a finale primo tempo. Con Maksimovic forma una bella coppia di difensori, peccato solo la rete degli avversari, ma ha giocato una partita da combattente.

Maksimovic 6,5 – Per il serbo non era certo la partita più semplice visto l’avversario, ovvero Messi, ma davvero è perfetto nelle diagonali. Sul gol leggerissima indecisione, ma ha dimostrato di essere un giocatore sempre più combattente.

Demme 7 – A Brescia l’ex Lipsia si era preso una pausa che ci sta a livello fisiologico, ma contro il Barcellona è tornato a correre come un matto. Recupera palla e lo fa anche con classe e non durezza. Fino al momento del cambio non ha cali, poi Gattuso lo fa uscire e si becca gli applausi.

Zielinski 7 – Il polacco da mezz’ala è sempre più nel suo ruolo ideale. Non solo copre senza commettere errori, ma entra nell’azione del gol di Mertens. Suo l’assist nella ripresa ad Insigne, insomma la miglior partita della stagione dell’ex di Empoli e Udinese.

Mertens 7 – Alla fine “Ciro” Mertens arriva a quota 122 reti, agguanta Hamsik e per un tempo fa sognare con il suo gol i tifosi. Peccato l’infortunio, la squadra per un minuto lo ha patito, si attende l’esito medico, ma con il Torino è in dubbio.

Insigne 6 – Il capitano gioca una gara come sempre generosa, primo tempo di grande sacrificio in difesa e duetta al meglio con Mertens. Nella ripresa per due volte va vicino alla rete personale, tra la fortuna e la precisione, manca davvero il gol del raddoppio.

Milik 6 – A Brescia non era apparso tra i più attivi a gara in corso, stasera ha confermato di essere un giocatore nel vivo della gara. Suoi gli assist per Insigne e Callejon, non sfruttati. Lotta anche di testa nel finale, può essere l’arma per le prossime partite.

Flop 

Mario Rui 5,5 – Il terzino portoghese, davvero una partita quasi perfetta, senza sbavature, meriterebbe di più, ma il gol del pari si perde l’avversario. Nel finale però perfetto su Messi, comunque giocatore imprescindibile per Gattuso.

Allan 5 – Erano solo 11 minuti dalla fine del match, in teoria pochi per mettersi in luce, ma il brasiliano è entrato poco determinato, anzi ha perso un paio di palloni a centrocampo. A livello mentale non era in sintonia con la squadra, brutto segnale in vista delle prossime settimane.

Callejon 5 – Il laterale spagnolo, come sempre generoso in campo, però ha la palla che poteva regalare una vittoria importante, ma si fa ipnotizzare da Ter Stegen. A questi livelli sono errori che costano caro.

A cura di Alessandro Sacco

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.