La Lega di Serie A chiede al Governo di giocare a porte chiuse

0

Passo formale dei club per affrontare l’emergenza. Il presidente della Lega calcio di Serie A, Paolo Dal Pino, ha appena inviato una lettera al Governo. Attraverso il ministro dello sport, Spadafora, quello dell’Interno, Lamorgese, e quello della Salute, Speranza. Per chiedere che nei territori considerati a rischio coronavirus le gare di calcio non vengano sospese, ma siano disputate a porte chiuse. Lo apprende l’ANSA. Si tratta di un atto formale. Che la Lega delle società motiva nella lettera con il “calendario già saturo di impegni” e la necessità che le competizioni si concludano “entro il 24 maggio stante l’avvio dei prossimi Europei di calcio”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.