Raiola: “Devono scegliermi per fiducia, non per paura come con la GEA”

0

L’agente Fifa, Mino Raiola, ha rilasciato alcune dichiarazioni al quotidiano La Repubblica a proposito della GEA:Se il mio avvocato facesse comunella con il pm lo scaricherei subito. Mia nonna era analfabeta, ma mi ha sempre detto che non si può stare con Dio e con il diavolo. Io rifiuto anche gli incarichi di mediazione, tratto solo i trasferimenti dei miei che devono scegliermi per fiducia e non perché hanno paura, come invece facevano quelli che andavano alla Gea, convinti che se non lo avessero fatto sarebbero usciti dal giro. Il procuratore è come il medico di famiglia: se non ti fidi, è meglio che lo cambi. E poi non assisto allenatori: voglio avere la libertà di mandarli affanculo”.

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.