L’importanza delle fondamenta, si vince con la difesa o l’attacco?

0

L’antica diatriba tra chi sostiene che per vincere è necessario avere una difesa impenetrabile e chi, di contro, ritiene che per primeggiare occorrano bomber di razza, è una questione ancora irrisolta. È una contrapposizione tra due correnti di pensiero ed altrettante filosofie calcistiche. Da una parte, la scuola italiana, quella del catenaccio per intendersi, della famosa palla lunga e pedalare. Dalla parte contrapposta, la scuola del calcio totale, secondo cui la miglior difesa è l’attacco. Non esistono le prove per dimostrare quale delle due tesi sia quella vincente. È il bello del calcio, dove è vero tutto ed il suo contrario. Carlo Ancelotti ritiene che poter contare su una solida difesa sia il primo passo nella conquista di un successo e così Aurelio De Laurentiis ha deciso di dare mandato ai suoi collaboratori per assecondare, giustamente, le richieste del suo allenatore. Raul Albiol ha concluso il suo lavoro a Napoli e tornerà nella sua amata Spagna, dopo sei anni in maglia azzurra. Non siamo mai pronti veramente per i saluti e quello al granitico difensore spagnolo fa venire il nodo alla gola. Cosa dire a Raul se non ringraziarlo per aver sempre onorato la maglia azzurra? La sua assenza peserà eccome, così come si è fatta sentire la sua assenza nella seconda parte della passata stagione, quando lo stopper iberico è stato a lungo fermo per un infortunio. Il rischio di partire con l’handicap della sua mancanza e di compromettere, di conseguenza, l’intera stagione del Napoli, non deve aver fatto dormire sonni tranquilli sia al patron del Napoli che al suo allenatore. Ecco quindi che per sostituire Albiol, la proprietà ha ingaggiato Manolas, in uscita dalla Roma. La nuova coppia di difensori centrali, il difensore greco in coppia con Koulibaly, fa già sognare il popolo del Napoli, perché in fondo siamo tutti convinti che se nel corso degli ultimi anni avessimo subito qualche gol in meno, qualcosa di prestigioso sarebbe arrivato in riva al nostro golfo. Ecco quindi che il pubblico partenopeo, di fatto, fa sua la tesi di chi ritiene che per vincere è sempre meglio prima non prenderle…tanto poi un gol quelli la davanti lo fanno sempre. Non c’è dubbio che una struttura buona è quella che ha solide fondamenta e se è vero che in una squadra di pallone si trovano in terza linea, quelle che sta gettando il Napoli sarebbero le migliori in circolazione. Mentre salutiamo Raul Albiol con un velo di tristezza, sogniamo ad occhi aperti con la nuova squadra che sta nascendo.

A cura di Riccardo Muni

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.