Ecco come cambia il Napoli con Rodrigo, non solo gol nel repertorio

Lo spagnolo-brasiliano è duttile, agile e forte fisicamente

0

Il nome per l’attacco è quello di Rodrigo. Piace molto ad Ancelotti, alla ricerca di altri gol per migliorare l’attacco. Che in assoluto non ha segnato poco (74 reti, solo l’Atalanta ne ha fatte di più), ma che ha la necessità di variare, inserendo un’altra punta dotata di fisico (181 centimetri per 75 chili): una volta con i piccoli (Mertens, Insigne, Younes), una volta con i grandi (Rodrigo, Milik), un’altra volta attacco… misto. E’ questa la varietà di cui ha bisogno Ancelotti e sotto questo profilo il miglioramento deve essere consistente. Nel Valencia, secondo il Corriere dello Sport, l’attaccante spagnolo-brasiliano aveva segnato molto l’anno scorso (19 gol totali) e solo un po’ meno quest’anno (15). Ha tre pregi fondamentali: la velocità, la potenza fisica e la capacità di ricoprire tutti i ruoli dell’attacco. 

La Redazione

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.