Serie B: al Bentegodi il Verona viene fermato dalla Cremonese sull’1-1!

Gli scaligeri perdono 2 punti per strada con i fischi del Bentegodi al triplice fischio

0

Venerdì 2 novembre ore 21:00

Verona-Cremonese    1-1    Caracciolo (V) 3′, Arini (C) 32′

VERONA (4-3-3): Silvestri, Crescenzi, Caracciolo, Marrone, Empereur, Calvano (Dawidowicz 58′), Colombatto, Zaccagni (Laribi 76′), Ragusa, Tupta, Cissé (Di Carmine 59′). A disposizione: Tozzo, Ferrari, Dawidowicz, Balkovec, Gustafson, Henderson, Laribi, Seung-Woo, Di Carmine, Matos, Pazzini. Allenatore: Fabio Grosso.

CREMONESE (4-1-4-1): Radunovic, Mogos, Claiton (Marconi 76′), Terranova, Migliore, Greco, Castrovilli, Arini (Croce 59′), Emmers, Perrulli (Piccolo 70′), Brighenti. A disposizione: Ravaglia, Volpe, Del Fabro, Renzetti, Marconi, Kresic, Boultam, Carretta, Strefezza, Croce, Castagnetti, Piccolo. Allenatore: Andrea Mandorlini.

Arbitro: Antonio Giua.

Ammoniti: Caracciolo (V) 19′, Ragusa (V) 33′, Cissé (V) 50′, Greco (C) 57′, Croce (C) 64′, Piccolo (C) 86′

Note: recupero p.t. 2′, recupero s.t. 5′.

Primo tempo. I padroni di casa cercano solo la vittoria per portarsi momentaneamente al primo posto in classifica, mentre i grigiorossi dell’ex Mandorlini proveranno a sbancare il Bentegodi per rientrare nella corsa play-off. Al primo affonda il Verona sblocca il match col colpo di testa di Caracciolo sugli sviluppi di un piazzato, la replica ospite arriva all’8′ col tiro cross di Perrulli a lato di un soffio. La gara è molto vivace e appena un minuto dopo Crescenzi entra in area e incrocia col destro trovando Radunovic pronto all’intervento, i ritmi sono molto alti con la Cremonese alla ricerca del pari mentre i gialloblu ripartono in contropiede. Al 32′ però arriva il pareggio ospite con Arini che sugli sviluppi di un angolo è il più lesto a fiondarsi sul pallone siglando l’1-1, vibranti le proteste dei padroni di casa per un errato sbandieramento del guardalinee che inganna i difensori scaligeri rimasti fermi nella circostanza. I veronesi si gettano in avanti e al 39′ Ragusa di testa colpisce la traversa chiudendo la prima frazione sull’1-1 dopo 45 minuti vibranti. 

Secondo tempo. Nella ripresa un errato disimpegno della difesa veronese diventa un assist per Emmers che solo davanti al portiere esita troppo favorendo il ripiegamento difensivo di Marrone, col passare dei minuti i ritmi di gioco calano vistosamente con poche occasioni degne di nota da ambo le parti. In questa fase il Verona gestisce la sfera mentre il pubblico di casa contesta la squadra con degli olé ironici, al 75′ Castrovilli si accentra dalla sinistra lasciando partire un destro a giro alto di un niente. Passano 4 minuti e Migliore sfiora l’autorete nel tentativo di anticipare Di Carmine solo sul secondo palo, all’82’ ancora Verona pericoloso con Di Carmine che a botta sicura viene fermato dall’intervento in scivolata di un provvidenziale Marconi. Nel finale gli scaligeri non riescono a segnare il goal vittoria ricevendo anche i fischi del Bentegodi al triplice fischio del direttore di gara. 

Classifica provvisoria: evidenziate le squadre con una gara in più

Pescara 19-Palermo 18-Verona 18-Salernitana 17-Benevento 16*-Lecce 16-Cittadella 15-Brescia 14-Spezia 13**-Ascoli 12-Cremonese 12-Perugia 11-Crotone 11-Venezia 9-Cosenza 8-Padova 7-Foggia(-8) 6-Livorno 5-Carpi 5

*Una gara da recuperare.

**Una gara da recuperare e un turno di riposo.

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.