Calcio in Pillole: rubrica di U. Garofalo – Squadra da primo posto, società non ancora

L’obiettivo dovrà essere raggiungere la programmazione dei rivali

0

Errare è umano, perseverare è diabolico. Dopo il caso Soriano del 2015, un altro colpo di mercato sfuma al fotofinish: il contratto di Politano, inviato al Sassuolo alle 22:50, non viene contro-firmato in tempo utile. All’amarezza per un’altra occasione persa, si aggiungono le cessioni di Maksimovic e Giaccherini, pedine che sarebbero potute tornare utili in Europa League. Sarri, che aveva velatamente (nemmeno troppo) sottolineato l’esigenza di un acquisto, potrá contare solo sugli adattati Zielinski e Rog, oltre che di un acerbo Ounas, per far rifiatare Insigne e Callejon. Lo stesso Mertens rischia di dover continuare a fare gli straordinari: come dichiarato dal patron De Laurentiis, il Napoli aveva intenzione di anticipare l’arrivo in squadra di Inglese, centravanti in prestito al Chievo. Ancora una volta si è deciso di fare dietrofront, puntando ad occhi chiusi su un attaccante, Milik, reduce dalla seconda rottura del legamento crociato nel giro di un anno. Con la squalifica del folletto belga nella gara d’andata con il Lipsia, Sarri sará costretto a provare un’altra intuizione, come il probabile schieramento di Callejon falso nueve (soluzione, tra l’altro, già vista in Coppa Italia in questa stagione). Insomma, non proprio il massimo, visto il budget che il club si era prefissato di spendere per un rinforzo offensivo (20-30 milioni di euro). Se la squadra, sul campo, ha dimostrato di valere il primo posto in campionato, non si può dire lo stesso della società.

Calcio in Pillole, rubrica di Umberto Garofalo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.