Gabbiadini ad Udine? Pochissime speranze. Poi ci saranno tre gare casalinghe per valutarlo ancora

0

Sarà difficile dopo la rinuncia alla Nazionale  per i problemi ad una caviglia, che possa essere pronto per sabato. Sarà  ancora Mertens, dunque, a doversi fare carico del peso dell’attacco,  giocando da falso nove, con Callejon ed Insigne sui lati. Quasi certa
anche l’impiego sulla fascia sinistra della difesa di Strinic al posto  di Ghoulam, il quale dopo la partita disputata con la Nazionale algerina  ha lamentato un problema all’adduttore. Non è da escludere che ad Udine  ci possa essere un po’ di spazio anche per Marco Rog, il giovane croato  che, assieme a Tonelli, non ha giocato ancora neppure un minuto in  partite ufficiali con la maglia azzurra. Il Napoli deve fare il meglio  possibile in questo scorcio che si staglia da sabato in poi. Udinese  sabato prossimo, poi ben tre partite in casa, con Dinamo Kiev, Sassuolo  e Inter. Giochi di calendario che aiutano gli azzurri, prima della
trasferta del 6 dicembre in casa del Benfica che chiuderà il discorso  Champions League, sperando che il Napoli possa arrivare a quella data  con la qualificazione già in tasca. Poi Cagliari in trasferta e Torino  in casa. Altre due partite che la squadra azzurra che non potrà prendere  sotto gamba. Ma prima c’è l’Udinese: il Napoli deve farsi trovare  pronto. Sarri chiede i gol al suo tridente “tascabile” e spera che la  squadra azzurra possa tornare a essere quella macchina da gol che spesso  e volentieri ha fatto faville.

FonteIl Roma

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.