(I voti) – Il Cds promuove Mazzarri, Osimhen e un difensore

0

Queste le valutazione e i voti

 

Factory della Comunicazione

Mazzarri  6 – Raccoglie meno di quanto meriterebbe: Napoli padrone del campo (66.8% di possesso) e soprattutto in partita fino alla fine sul piano fisico e della tenuta (2 tiri nello specchio subiti), però anche Napoli tradito da errori che contro un avversario spietato si pagano a carissimo prezzo: quello di Kvara al tiro è colossale e la disattenzione difensiva sul gol di Gatti è imperdonabile. S’intravede la luce, ma i rimpianti restano. E ora, la Champions: martedì con il Braga sono in palio gli ottavi. E l’inizio di un nuovo corso.

Meret 6 
Il colpo di testa di Gatti è una fotografia. Ma non sorride mica. Per il resto becca tanto freddo e qualche brividino.

Di Lorenzo 6 
Tra Rabiot e Kostic, e poi a collezionare discese e sovrapposizioni a destra, da ala. Da difensore, invece, è l’errore davanti a Szczesny al 39’, ma il fuorigioco cancella tutto. Risucchiato nell’azione del gol della Juve, di riflesso, ma ci mette energia e corsa fino alla fine. Anche perché dopo il vantaggio la Juve si mette a fare solo la guardia.

Rrahmani 5
Comincia su Vlahovic e si ritrova a fronteggiare Chiesa. E nel primo tempo è attento, puntuale, preciso. Fino al 5’ del secondo tempo: Gatti lo brucia alle spalle, una fiammata. Che incendia le ambizioni del Napoli: un errore, però fatale.

Juan Jesus 6,5 
A uomo su Vlahovic, incollato, di fisico e di astuzia. Il duello è suo fino all’ultima palla. E poi ricomincia con Milik: prestazione molto convincente.

Natan 5
Un miracolo ispirato dalla dea fortuna, la respinta al 21’ su Vlahovic in area. Ma quando tocca a lui, e soltanto a lui, sono errori di posizione e affanni contro Cambiaso e chiunque navighi a sinistra. Terzino adattato, d’accordo, ma quando il livello si alza emergono limiti tecnici e tattici.

Zanoli (28’ st) 6
Niente male, a sinistra: gamba e una lettura ottima su Chiesa.

Anguissa 6 
Non dà riferimenti, si sposta, danza e galleggia fino ai bordi dell’area. Rabiot e Locatelli lo soffrono, alimenta e crea superiorità. Però esce tardi sul cross di McKennie.

Lobotka 6,5 
Si abbassa e si alza. Ritmo e gioco come ai bei tempi, godendo anche di una certa libertà nell’aggressione.

Cajuste (42’ st) sv

Zielinski 5,5
Nello scopone scientifico si direbbe che spariglia. Di continuo: lo trovi in ogni zolla della mediana, ma non sempre riesce a essere incisivo. Figuriamoci risolutivo. La giocata più bella è l’apertura che lancia Osi nel primo tempo. Poi perde smalto.

Elmas (19’ st) 5,5
Entra maluccio, questa volta: un po’ lento nelle scelte, un po’ insicuro.

Politano 5,5
Partenza doc, con tanto di sinistro a fil di palo che riscalda il gelo di Torino. E poi sacrificio, spalla a spalla con Kostic. Che a un certo punto gli prende campo.

Raspadori (28’ st) 5,5
Un po’ di verve a destra, ma il muro è già alto. E sbatte.

Osimhen 6,5 
Una mezzora di sofferenza tra Bremer, il suo tormento a uomo, e Danilo. Poi, però, il lampo: al primo attimo di pace fila nello spazio a Gatti e pesca Kvara che divora. Lotta da leone, è ovunque, ma sempre in una selva bianconera: poco servito, molto marcato.

Kvaratskhelia 5
Il gol che sbaglia al 28’, quando Osi lo mette da solo davanti a Szczesny, con tutto il tempo di mirare e piazzare, è da non credere per uno come lui. E così s’innervosisce e cade nella provocazione di Gatti: reazione, giallo. Cambiaso è una goccia cinese (di falli) e sull’1-0 concede spazio al gioco di McKennie.

Simeone (42’ st) sv

 

Fonte: CdS

 

 

 

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.