Napoli: Garcia a “rischio”?

0
Una grande squadra al Maradona. Una squadra che domina dal punto di vista tattico, che comanda il gioco e che vince con merito mettendo in pratica le idee del suo allenatore. Il Napoli di Rudi Garcia? No, la Fiorentina di Vincenzo Italiano, che vola al quarto posto a -4 dal Milan capolista e porta i campioni d’Italia a sette punti dalla vetta e soprattutto a due settimane di riflessioni e di pensieri negativi. Il più importante riguarda l’allenatore, fischiato alla fine ancor più dei giocatori: Garcia sembra in confusione totale.

Factory della Comunicazione

Come sottolinea la Gazzetta dello Sport, i capi d’accusa sono tanti. Il francese ha confermato integralmente la formazione titolare di martedì contro il Real, mentre Italiano, ha cambiato sette giocatori di movimento su dieci dopo la sfida di giovedì in Conference e la squadra non ne ha risentito, segnale che in allenamento si lavora benissimo. Questo è il modo per non sentire le fatiche di coppa.
Garcia sull’1-2 ha tolto Osimhen, nettamente il migliore e l’unico in grado di cambiare la storia della partita, e ha spostato Kvara sulla destra. Perché queste scelte così inopportune in un momento di difficoltà?
L’allenatore, avrà molto su cui meditare e lo stesso farà De Laurentiis, costretto suo malgrado a chiedersi quale sarebbe la situazione adesso se avesse affidato il Napoli a Italiano. Sembrava il candidato più adatto, visto il tipo di gioco proposto dalla sua Fiorentina e ieri il concetto è emerso nuovamente.
Non eravamo abituati a vedere il Napoli in tale sofferenza e invece il dominio tattico della Fiorentina è stato più netto del punteggio, che passata in vantaggio con Brekalo, è mancata solo un po’ di precisione in rifinitura e al tiro, ma il fraseggio è stato da applausi.
 Il Napoli si è affidato invece a qualche fiammata, lì dove c’era un’orchestra, adesso ci sono alcuni solisti che cercano di imbastire una musica comunque orecchiabile. E Osimhen, come detto, avrebbe anche potuto indirizzare diversamente la gara, ma non sarebbe stato giusto. Il calcio è pieno di partite cambiate e risolte dagli episodi, ma ieri la Fiorentina è stata troppo superiore. E Italiano ha dato una severa lezione a Garcia.
Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.