Kvaratskhelia: Garcia lavora in due direzioni, ma ancora non basta

Il periodo buio del georgiano è evidente

0
I  numeri sono senza dubbio freddi, ma spesso fotografano situazioni. E ce n’è uno che rimbomba. Centottantotto. Sono i giorni che separano Khvicha Kvaratskhelia dal suo ultimo gol. Il suo estro, le sue giocate, la partecipazione da protagonista alla cavalcata azzurra, lo hanno fatto conoscere e conquistare il mondo intero, ma è evidente che al momento, stia attraversando un periodo buio. Scrive La Gazzetta dello Sport: “Il gioco Rudi Garcia, nel tentativo di valorizzarlo, si è mosso in due direzioni. Da un lato cercando con maggiore rapidità la verticalizzazione, anche attraverso i lanci lunghi, per sfruttare la qualità nella progressione con la palla dell’esterno. Dall’altro, invece, ha decentrato la posizione di Lobotka al fine di aumentare i rifornimenti sulla fascia sinistra. Eppure, nessuno di questi accorgimenti ha prodotto il miglioramento sperato nella qualità dei possessi gestiti da Kvaratskhelia. Ad oggi, il Napoli non è in grado di costruire situazioni di gioco che lo mettano nelle migliori condizioni per essere incisivo. È un aspetto su cui lavorare, perché un allenatore – specialmente se raccoglie una simile eredità – deve saper disegnare il vestito più adatto per la squadra, e quindi anche per il calciatore dotato di tecnica superiore.” 

Factory della Comunicazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.