Dimaro in sintesi: la “stellina” è Kvaratskhelia, sotto tono Zielinski e Lozano

0

La nota lieta è Khvicha Kvaratskhelia, feeling anche linguistico con Spalletti (parlano in russo, perché uno ci ha giocato e l’altro vi ha allenato, allo Zenit) scattato fin dall’inizio. Tre giorni di riposo, poi tutti si ritrovano a Castel di Sangro. Il tecnico è giù di corda. Certo, affabile come sempre, ma è chiaro che questo non assomiglia al Napoli che ha preso in mano tredici mesi fa. Baldini e Domenichini sono al suo fianco: ieri non hanno risparmiato l’ultimo arrivato, Ostigard. Olivera si è visto poco: quasi sempre da solo, per via dei postumi del problema al ginocchio. L’impressione, anche alla luce dei ritardi sul mercato, che a Verona la coppia di difensore titolari sarà composta da Rrhamani e Juan Jesus e sulle fasce di saranno Rui e Di Lorenzo.
In campo Osimhen è in ritardo nella condizione, ma non preoccupa: piuttosto continua a impiegare la maschera protettiva, perché ha ancora un po’ di timore. Bene Di Lorenzo, ma anche Lobotka, Rrahmani, Mario Rui (quanti applausi per il portoghese). Sottotono Zielinski e Lozano (meglio Politano, che ieri è uscito dolorante dopo l’ultimo allenamento prima della partenza). La sensazione è che non ci sarà spazio per Gaetano, Zerbin e Ambrosino: lo step da fare sembra ancora troppo grande.

Factory della Comunicazione

Il Mattino

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.