Spalletti, la carica dei 400, da Mertens a Petagna ognuno ha dato il suo contributo

Anche i centrocampi e gli esterni d'attacco determinanti per i gol del Napoli

0

C’è stato un momento, e sembra proprio tanto tempo fa, in cui per metterne insieme undici bisogna prima passare dall’infermeria, dare un’occhiata al dottor Canonico, aspettare che i tamponi non finissero per aggravare la situazione e poi sistemare i resti del Napoli nel modo più appropriato. Ma ora che l’emergenza è finita – eppure restano fuori Koulibaly ed Anguissa, con Ounas che aspetta l’esito dei prossimi esami – Spalletti può persino divertirsi a starsene in questo labirinto, in cui inseguire la formazione dopo essere rimasto a combattere con se stesso: Mertens o Osimhen? Lozano o Politano? Meret o Ospina? Non ci sono indizi in questa vigilia stranissima, consumata in silenzio e aspettando che da Salerno arrivasse il via libera per il derby, però tra le casacchine mischiate si ha la sensazione, solo quella, che le gerarchie attuali siano scolpite nella consistenza attuale dei singoli, nella loro brillantezza, nella condizione che si può avvertire o nella cautela che va sfruttata per non incappare in pericolosi rischi. E comunque, almeno adesso, questi amabili grattacapi, con i quali fingere d’essere in conflitto, perché mettendosi comodo, sulla poltrona della propria stanza, e immaginando che quella sia la panchina del «Maradona», c’è gusto a contarli tutti: Mertens 145, Insigne 114, Zielinski 38, Lozano 25, Fabian Ruiz 20, Osimhen 19, Politano 16, Elmas 10, Petagna 8. Una marea di gol.

Fonte: A. Giordano (CdS)

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.