Il Napoli ritrova Fabian Ruiz: tecnica e feeling con il gol

0

Si è sentita la mancanza di Fabian. Lo spagnolo ha vissuto stagioni nelle quali sembrava in piena crisi di identità: un po’ mezzala, un po’ regista, un po’ fantasista. Poi, con l’avvento di Lucianone in panchina, la musica è drasticamente cambiata: in meglio. Lo dice non solo lo score (5 gol e 3 assist), ma anche il contributo pratico in campo. Innanzitutto ha subito funzionato l’accoppiata con Anguissa. I due si sono capiti e trovati con uno schiocco di dita, il camerunese ha portato la quantità, lo spagnolo ha aggiunto la qualità, per un mix che soprattutto nella prima parte della stagione è sembrato letteralmente esplosivo. Rispetto agli anni scorsi, poi, Fabian ha saputo trovare il feeling con il gol grazie a quella che era rimasta un’arma nota ma spesso sopita: il tiro dalla distanza. Da fuori area, infatti, è sembrato quasi infallibile e senza di lui (out per infortunio dal secondo tempo di Sassuolo-Napoli dello scorso 1 dicembre) gli azzurri hanno perso una soluzione preziosa per andare a segno senza bisogno di saltare tutta le difesa avversaria. Contro la Fiorentina in coppa Italia si è fatto espellere dopo nemmeno mezzora, a dimostrazione che la concentrazione e la tenuta atletica sono da rivedere, ma ha anche fatto vedere accenni di quel calcio illuminato che al Napoli serve eccome.

Il Mattino

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.