La gazzella Osi corre veloce, il Gallo invece non canta

0
Victor Osimhen e Andrea Belotti vivono da due anni sulle montagne russe. Salite e discese, su e giù per chi vive praticamente per il gol.
Nella stagione scorsa Osimhen è stato praticamente un fantasma. Appariva e scompariva in uno schiocco di dita. Luci di gran lunga inferiori alle ombre. La spalla, poi il Covid, poi ancora il colpo alla testa contro l’Atalanta a Bergamo…Ha accumulato un debito importante con Napoli e i napoletani che hanno saputo aspettarlo. E lui? Ha ricambiato con gli interessi. Ha giocato 8 partite (tra campionato ed Europa League) segnando la bellezza di 7 reti, venendo eletto come miglior giocatore del mese di settembre e diventando il vero simbolo del Napoli capolista. Ora, prendiamo il percorso di Osimhen e rovescialo come un calzino. Troveremo quello di Andrea Belotti, «il Gallo». Lo scorso anno è stato titolare, anzi titolarissimo. Ha giocato 36 partite (di cui 35 in campionato), segnando 13 gol e servendo 7 assist. Attaccante completo, a tutto tondo: segna e fa segnare. Nelle ultime 4 estati è stato sistematicamente al centro di ogni trattativa di mercato. È rimasto al Torino, ma Juric praticamente non lo ha mai visto. Anche domenica la sua presenza è a forte rischio. Le sliding doors dei numeri 9. La gazzella Osi corre, il gallo, al momento, non canta. 
Il Mattino
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.