Delia Paciello, giornalista; “Champions? Dopo Milan, Juventus e Roma, le reali ambizioni di questa squadra”

"Prossima stagione? Il Napoli dovrà rifondare totalmente"

0

Ad “Il Sogno Nel Cuore”, Delia Paciello, giornalista de Il Mattino e conduttrice tv per 7Gold: 

Tegola pesantissima l’infortunio di Ghoulam. Proprio ora che lo avevamo recuperato. Anche ieri, nei minuti in cui ha giocato, stava facendo molto bene. Oggi abbiamo una prova. Se Gattuso non lo schierava sempre, probabilmente sapeva bene che il ragazzo aveva dei problemi che gli impedivano di avere continuità. Dottor De Nicola? Qualche giorno fa mi ha detto che tutti questi infortuni non sono dovuti a problemi legati allo staff medico. Bensì ai preparatori atletici. Nell’ambiente azzurro gira la voce che molti calciatori non si fidino del professor Mariani di Villa Stuart. Lo stesso che ha operato Ghoulam la prima volta. E che lo opererà di nuovo oggi. De Guzmann, ad esempio, fu molto chiaro al riguardo. Dichiarando di aver avuto troppi problemi dopo che era stato seguito dal prof. Mariani. Credo che la scelta di Ancelotti, di imporre alla società che i calciatori potessero rivolgersi ai propri medici di fiducia, sia stata presa dopo aver ascoltato gli umori dei suoi ragazzi. Tant’è che sia Mertens che Osimhen sono andati a curarsi in Belgio, in questa stagione. Osimhen? È un giocatore non ancora recuperato del tutto. Ma ieri ha fatto vedere qualcuna delle sue caratteristiche. Quando attacca la profondità, sa essere devastante. Il suo recupero sarà importante. E darà un grande contributo alla rincorsa al quarto posto in campionato. Napoli-Bologna? Tutto ciò che di positivo hanno fatto gli ospiti, è arrivato su errori individuali dei napoletani. Champions? Dopo il trittico Milan-Juventus-Roma, potremo capire le reali ambizioni di questa squadra. Prossima stagione? Il Napoli dovrà rifondare totalmente. Dall’allenatore ai calciatori. Bisognerà trovare una giusta guida tecnica. Che sappia ciò che vuole dai suoi ragazzi. E che sia in grado di valorizzare i giovani che arriveranno. Perché, di certo, il Napoli non acquisterà big con esperienza. In questo contesto, oltre a Italiano, De Zerbi e Juric, so che c’è stato più di un contatto con Mazzarri, Sarri e Benitez. Sembra che, comunque, Italiano sia un profilo molto gradito a De Laurentiis. Al momento c’è confusione. Perché non è nemmeno certo che Gattuso resterà fino a fine stagione. Dopo le tre partite fondamentali di cui abbiamo già parlato, Rino potrebbe non essere più l’allenatore azzurro. I calciatori del Napoli hanno bisogno di un allenatore che li guidi passo passo. Non come hanno fatto prima Ancelotti e poi Gattuso. Esempio lampate, la mancanza di meccanismi difensivi. E’ vero che Rino ha avuto pochi allenamenti a disposizione. Per insegnare ai ragazzi ciò che desiderava. Ma è pur vero che non si può dare solo la colpa ai pochi allenamenti”.

Fonte: 1 Station Radio

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.