CdS – Tre nodi di Gattuso: centrocampo, rari clean sheet, troppe le sconfitte

0

L’IDEA E LA DIFESA. Né Elmas nei due in mezzo al campo fa onore alla natura stessa del macedone, che nella sua vita altro ha fatto e sempre altro vorrebbe continuare a fare. C’è un’idea «arrugginita» o mai completamente evoluta, in questo Napoli che senza palla non dà la sensazione di muoversi, gioca di posizione e soffre in mezzo al campo: l’ultima volta che non ha subito almeno un gol è stata a Crotone, ormai quaranta giorni e sette partite fa.

DISPERAZIONE. Gli assenti, a volte, gli danno ragione, perché avere o rimpiangere Koulibaly, Osimhen e Mertens contemporaneamente non è poi la stessa cosa: ma il Napoli ha attinto tra le proprie risorse uno splendido, irreprensibile esemplare di professionista come Fernando Llorente, che dal gennaio scorso – un anno esatto – ha messo assieme appena quarantotto (48) minuti di gioco, recupero escluso. Pochini persino per sentirsi meno disperato.

PROSPETTIVE. Però la classifica può essere adeguatamente sostenuta, l’Europa (la Champions) resta l’obiettivo e lo scudetto non è un obbligo ma una possibilità che una squadra così ricca di talento può ancora concedersi. Al di là delle sindromi, che però si guariscono.

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.