ESCLUSIVA – S. Aronica (all. U.s. Savoia 1908): “Vogliamo giocarcela fino alla fine per il vertice. Gattuso? Conferme sul suo valore”

Il tecnico dell'U.s. Savoia parla anche della sua ex squadra del Napoli

0

Il campionato di serie D girone G, mai come quest’anno incerto per le prime zone della classifica, ha diverse pretendenti. Tra queste anche l’U.s. Savoia 1908 che ha vinto le ultime tre partite in campionato e domenica la trasferta contro il Carbonia. Ilnapolionline.com ha intervistato il tecnico dei campani Salvatore Aronica.

Dopo la sconfitta all’esordio tre vittorie di fila. Cosa ne pensi dell’inizio dei tuoi ragazzi? “La sconfitta all’esordio contro il Monterosi, era arrivata dopo una sfida che eravamo passati in vantaggio. C’è il rammarico che un gol ci è stato annullato in maniera dubbia, poi abbiamo subito la rimonta. Per fortuna che sono arrivate tre vittorie che ci hanno ridato grande soddisfazione, soprattutto importante quella in rimonta contro la Nocerina, perché ci ha dato lo slancio per le altre due vittorie”.

Tra i tanti ragazzi che sono arrivati quest’anno c’è sicuramente Giuseppe Fornito che conosci dai tempi di Napoli. Cosa ti ha colpito di lui in maniera particolare? “Giuseppe Fornito lo conosco dai tempi che io giocavo a Napoli, lui era nel settore giovanile azzurro. Mi ha colpito, oltre le sue qualità tecniche, anche per l’aspetto caratteriale, aspetto importante. Domenica ha stretto i denti, è sceso in campo e sono contento che si sia sbloccato in campionato. Giocatore che ci darà una mano, ma per fortuna ho un gruppo davvero forte per questa stagione”.

Secondo te il Savoia, in un girone equilibrato, dove può arrivare in classifica? “Quest’anno è un campionato molto incerto, oltre al Monterosi e il Latina, ci sono le squadre sarde come il Carbonia, prossimo nostro avversario, la Torres e ovviamente le campane. Noi certamente abbiamo i mezzi per potercela giocare, lo abbiamo dimostrato nelle ultime sfide, perciò possiamo dire la nostra, senza però calare l’intensità visto il valore delle contendenti”.

Domenica sfiderete il Carbonia, compagine sarda, che tipo di sfida prevedi? “Sarà per noi una trasferta non facile, affrontiamo una squadra che è forte ed ha elementi che ci possono mettere in difficoltà. Noi cercheremo di giocarcela alla pari, per ottenere il massimo possibile. L’importante sarà l’approccio per poter ottenere un risultato importante per la nostra classifica”.

Da difensore ti vorrei chiedere del duo Koulibaly-Manolas. Quest’anno stanno dimostrando il loro valore. Cos’è mancato secondo te la passata stagione? “Lo scorso anno Manolas non conosceva alla perfezione gli schemi di Ancelotti prima e Gattuso poi, però il suo valore tecnico non era in discussione. Koulibaly? Forse le tante voci di mercato, non lo rendevano sereno, non riusciva a fornire prestazioni di livello. Insieme sono una coppia formidabile e in queste sfide lo stiamo vedendo”.

Infine ti vorrei chiedere di Napoli-Atalanta e contro l’Az Alkmaar quanti cambi faresti? “Sabato per fortuna ho potuto vedere in televisione la partita, visto che il Savoia doveva giocare domenica pomeriggio. Il Napoli ha fatto una grande prestazione, Gattuso ha saputo trovare le contromisure, dando davvero prova del suo valore in panchina, aspetto che non sono sorpreso. Sulla sfida di giovedì, ovviamente aspettiamo la questione del Covid-19, io in questi casi farei al massimo tre cambi, per non stravolgere l’organico e dare continuità al momento di forma”.

Intervista a cura di Alessandro Sacco

RIPRODUZIONE RISERVATA ®

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.