Serie B – Play-Off – Spezia-Chievo: I liguri si portano in finale

0

Spezia-Chievo 3-1 Galabinov (S) 2′, Maggiore (S) 50′, N’Zola (S) 53′, Leverbe(C) rig. 93′

SPEZIA (4-3-3): Scuffet, Ferrer, Erlic, Terzi, Vitale (Ramos 80′), Bartolomei, Matteo Ricci, Maggiore (Mora 67′), Gyasi (Di Gaudio 80′), N’Zola, Galabinov (Ragusa 77′). A disposizione: Krapikas, Desjardins, Ramos, Mora, Bastoni, Vignali, Di Gaudio, Acampora, Ragusa, Gudjohnsen, Federico Ricci, Mastinu. Allenatore: Italiano.

CHIEVO (4-3-3): Semper, Dickmann, Leverbe, Rigione, Renzetti, Esposito (Garritano 46′), Segre (Zuelli 60′), Obi (Ongenda 77′), Ceter, Vignato (Morsay 60′), Djordjevic (Grubac 78′). A disposizione: Nardi, Cavar, Pavlev, Cotali, Vaisanen, Garritano, Karamoko, Di Noia, Zuelli, Morsay, Grubac, Ongenda. Allenatore: Aglietti.

Arbitro: Abbattista.

Ammoniti: Dickmann (C) 9′, Maggiore (S) 18′, Segre (C) 59′, Mora (S) 92′.

Note: recupero p.t. 3′, recupero s.t. 7′.

Primo tempo. Passano appena 2 minuti e arriva il vantaggio spezzino col perentorio colpo di testa di Galabinov sul cross di Bartolomei, al 18′ Maggiore serve Matteo Ricci che di potenza manca il bersaglio non di molto. Al 32′ Matteo Ricci restituisce il favore a Maggiore che di testa viene fermato dall’ottimo intervento di Semper, nel finale di tempo N’Zola si presente solo davanti al portiere ma Semper respinge in angolo chiudendo la prima frazione sull’1-0 ligure.

Secondo tempo. Nella ripresa arriva il raddoppio ligure con Maggiore che insacca la sfera dopo un gran sinistro dall’interno dell’area, al 53′ lo Spezia ribalta la sfida col 3-0 di N’Zola che supera Semper con un pregevole pallonetto. Al 58′ Rigione calcia al volo dal limite mancando il bersaglio di pochissimo, passano 5 minuti e Ferrer lascia partire un destro di interno collo bloccato da Semper. Nel finale di gara l’arbitro assegna un rigore al Chievo per un tocco di braccio di Mora sul tiro al volo di Ongenda, dal dischetto prende la rincorsa Leverbe che spiazza Scuffet ma al triplice fischio lo Spezia si porta in finale.

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.