Alessandro Barbano: “IL CIRO A GIRO” “Mertens è il lampo che decide”

0

Il «Ciro a giro» è un lampo. Illumina e decide una partita inguardabile, in cui la paura di non prenderle vince su tutto, giocata tra due squadre che in mezzo al campo hanno molte cose da regolare. Arriva al 65’ e fulmina Cragno con la sua imprevedibilità. Non è solo un tiro imparabile, ma è anche unico nel suo genere.

Diverso da quello con cui Fabian Ruiz beffa Padelli, mercoledì scorso nella prima semifinale di Coppa Italia a San Siro. Perché lo spagnolo, prima di calciare, sposta la palla lateralmente per aprirsi un varco nella difesa interista, mentre Mertens, che riceve un passaggio rasoterra da sinistra nell’area del Cagliari.

Prima stoppa d’interno destro portando il pallone in avanti, poi con un tocco d’esterno lo riporta indietro e si volta spalle alla porta, e da quella posizione, che nasconde la visuale, punta il piede sinistro in appoggio e calcia con l’altro schiaffeggiando la palla sul lato destro e caracollando con tutto il corpo in una piroetta fantastica, che imprime alla traiettoria una circolarità innaturale: la palla, girando, scompare alla vista di tutti e ricompare quando impatta sul palo interno di Cragno.

È un capolavoro che sposa la fantasia del calcio con la geometria del biliardo. Il centravanti belga che lo firma è all’undicesimo centro in questa stagione e al centoventesimo in maglia azzurra, uno meno di Hamsik, ineguagliato cannoniere della storia azzurra. Il suo contratto scade a giugno e la trattativa per il rinnovo è ferma da mesi: prima di lasciarselo scappare, forse, il Napoli dovrebbe tentare un ultimo affondo. Fonte: CdS

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.