Serie A: L’Atalanta sogna in grande, romane fermate sul pari

0

Domenica 6 ottobre ore 15:00

Atalanta-Lecce 3-1 Zapata (A) 35′, Gomez (A) 40′, Gosens (A) 56′, Lucioni (L) 86′

Bologna-Lazio  2-2 Krejci (B) 21′, Immobile (L) 23′ 39′, Palacio (L) 31′

Roma-Cagliari  1-1 Pedro (C) rig. 26′, Ceppitelli (R) aut. 31′

Atalanta-Lecce. Il primo brivido arriva al 2′ col colpo di testa di Duvan Zapata che tutto solo in area manca il bersaglio di poco, l’Atalanta domina il match schiacciando i giallorossi nella propria trequarti. Al 30′ il Papu cerca il tiro di potenza da fuori ma Gabriel in volo respinge, passano 2 minuti e il fantasista nerazzurro ci riprova col pallonetto ma l’estremo difensore leccese sventa nuovamente la minaccia. Al 35′ il forcing bergamasco porta al meritato vantaggio di Duvan Zapata che col destro fulmina Gabriel, passano 5 minuti e Gomez sigla il 2-0 con una precisa rasoiata sull’assist del gemello del goal Zapata così al duplice fischio i nerazzurri chiudono i primi 45 minuti col doppio vantaggio. Nella ripresa la Dea sigla il tris con Gosens che solo davanti al portiere non perdona, al 67′ Gomez entra in area ma al momento di calciare dall’interno dell’area piccola viene anticipato in extremis. Al 73′ Ilicic riceve da Muriel solo davanti a Gabriel sprecando una ghiotta occasione, passano 3 minuti e Gomez supera 3 avversari in dribbling ma al momento di segnare si lascia ipnotizzare da Gabriel. Nel finale Lucioni firma il goal della bandiera giallorossa per il definitivo 3-1 nerazzurro.

Bologna-Lazio. La prima occasione arriva all’8′ col destro a giro di Palacio che costringe Strakosha al super intervento in tuffo, al 21′ il match si sblocca col colpo di testa di Krejci che beffa Strakosha. Passano 2 minuti e Ciro Immobile firma l’1-1 sfruttando il corner battuto da Lulic, la gara è molto intensa e al 31′ Rodrigo Palacio riporta in vantaggio i rossoblu con un facile tap-in dopo il palo colpito da Svanberg. La Lazio pareggia nuovamente al 39′ con la doppietta di Ciro Immobile con un preciso diagonale che chiude la prima frazione in parità. Nella seconda frazione Svanberg porta in vantaggio i bolognesi ma l’arbitro annulla per offside su segnalazione del VAR, al 60′ Lucas Leiva riceve il secondo giallo lasciando i laziali in 10 uomini. Al 70′ Orsato si dirige verso il monitor per guardare un episodio falloso di Medel su Correa espellendo l’ex Inter ristabilendo così la parità numerica, al 74′ Palacio serve Krejci solo in area ma un difensore rossoblu salva sulla linea. Nel finale l’arbitro assegna un penalty alla Lazio ma Correa spreca tutto centrando la traversa chiudendo la sfida del Dall’Ara in parità.

Roma-Cagliari. I giallorossi cercano il vantaggio all’8′ col sinistro da fuori area di Zaniolo ma l’ex Olsen in volo blocca la sfera, passa un minuto e Diawara cerca gloria personale con un missile respinto sempre dal portiere rossoblu. Al 25′ il direttore di gara assegna un penalty al Cagliari dopo essersi consultato col VAR, dal dischetto prende la rincorsa Joao Pedro che insacca nell’angolino. I capitolini si gettano in avanti e al 31′ pareggiano i conti sfruttando l’autorete di Ceppitelli, al 37′ Dzeko prova a fare tutto da solo e calcia col mancino ma Olsen nega la gioia del goal all’attaccante bosniaco chiudendo il primo tempo sull’1-1. Nei secondi 45 minuti Kluivert prova a scuotere i suoi con un siluro deviato sopra la traversa da Olsen, al 54′ Zaniolo ci prova col mancino mancando il bersaglio di un niente. Al 73′ ancora Zaniolo al tiro ma l’ex giallorosso Olsen respinge con i piedi, passano 4 minuti e Kolarov serve Cristante che di testa sfiora il goal. Nel finale Kalinic beffa Olsen ma l’arbitro, dopo aver consultato il VAR, annulla per una spinta su Pisacane chiudendo la sfida sull’1-1.

Classifica provvisoria: evidenziate le squadre con una gara in meno

Inter 18-Atalanta 16-Juventus 16Napoli 12-Roma 12-Lazio 11-Cagliari 11-Fiorentina 11-Torino 9-Verona 9-Bologna 9-Parma 9-Milan 9-Udinese 7-Sassuolo 6*-Brescia 6*-SPAL 6-Lecce 6-Genoa 5-Sampdoria 3

*Una gara da recuperare

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.