Il punto della situazione – di R. Muni: “Ancora calcio d’estate”

0

La seconda amichevole internazionale del Napoli, in casa dell’Olympique Marsiglia, ha confermato gli enormi progressi compiuti dai ragazzi di Carlo Ancelotti. Come già detto all’indomani del rotondo successo contro il Liverpool, si tratta di calcio d’estate, che lascia il tempo che trova. Tuttavia, la partita del Velodrome ha confermato quanto di buono già visto contro i reds. La notizia migliore è, senza dubbio, quella che riguarda Insigne. Il Magnifico di Frattamaggiore, colpito con uno schiaffo da un avversario, ha mantenuto il controllo di sé, dimostrando la maturità che ogni capitano che si rispetti, deve possedere. Dopo aver preso nota di questo episodio, ci aspettiamo che la giustizia sportiva intervenga come di dovere. Al di là della natura amichevole della partita, un regolamento esiste e va, o meglio andrebbe, applicato sempre, in ogni circostanza. Anche Callejón ha lanciato segnali positivi, confermandosi assolutamente a proprio agio al centro della linea mediana. Elmas, giovane centrocampista prelevato dal Fenerbache, ha fatto il suo esordio in maglia azzurra, dimostrando subito doti da predestinato. Fin dai primi tocchi al pallone, si è subito capito il motivo per il quale Carlo Ancelotti lo abbia voluto fortemente in squadra. Nessun gol subito dai campioni d’Europa, nessuno nemmeno dai transalpini, a dimostrazione del fatto che l’assetto difensivo attuale, sebbene sia ancora orfano di Koulibaly e Allan, funziona già egregiamente. Se il gioco appare già fluido, forte di un anno di rodaggio alle spalle e Ciruzzo, al secolo Dries Mertens, riscopre la sua vena di goleador, c’è qualcosa che rovina la serata di festa azzurra. Milik è stata la nota stonata e, sebbene Ancelotti tenda giustamente a sminuirne i contenuti, è palese che il centravanti polacco sia distratto ed infastidito dai rumors di mercato.

Factory della Comunicazione

a cura di Riccardo Muni

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.