Liga: Il Valencia entra nelle prime quattro squadre in Champions

I valenciani raggiungono Barcellona, Atletico Madrid e Real Madrid

0

Sabato 18 maggio ore 13:00

Levante-Atletico Madrid    2-2 Cabaco (L) 6′, Roger (L) 36′, Rodrigo (A) 68′, Camello (A) 79′ 

Ore 16:15

Espanyol-Real Sociedad      2-0 Rosales (E) 58′, Wu Lei (E) 65′

Getafe-Villarreal                    2-2 Portillo (G) 13′, Iborra (V) 44′, Maksimovic (G) 76′, Moreno (V) 87′

Siviglia-Athletic Bilbao        2-0 Ben Yedder (S) 44′, Munir (S) 92′

Valladolid-Valencia               0-2 Soler (V) 36′, Rodrigo (V) 52′

Ore 20:45

Alavés-Girona                          2-1 Wakaso (A) 40′, Calleri (A) 83′, Portu (G) 86′

Celta Vigo-Rayo Vallecano 2-2 Embarba (R) rig. 29′, Medran (R) 71′, Aspas (C) 82′ 92′

Huesca-Leganés                      2-1 Mantovani (L) aut. 40′, Mantovani (H) 55′ 83′

Levante-Atletico Madrid. I padroni di casa cercano la vittoria per chiudere in bellezza la stagione, mentre i colchoneros sono pronti al colpaccio per l’ultima di Godìn in maglia madrilena. Al primo affondo la squadra di casa sblocca il punteggio col tiro ravvicinato di Cabaco sugli sviluppi di un corner, al 25′ i colchoneros replicano col siluro mancino di Griezmann deviato provvidenzialmente da Ojeda. Al 36′ i valenciani raddoppiano le marcature col tiro dal limite di Roger così al duplice fischio si va a riposo sul 2-0 per il Levante. Nella ripresa l’Atleti resta in 10 per l’espulsione di Correa ma al 68′ Rodrigo accorcia le distanze con un missile che si insacca sotto al sette, nonostante l’uomo in meo l’Atleti attacca a tsta bassa e al 79′ Camello sigla il definitivo 2-2 sfruttando un batti e ribatti in area.

 

Espanyol-Real Sociedad. I catalani tra le mura amiche cercano il sorpasso sugli ospiti, mentre gli azulblancos proveranno a chiudere l’anno con una vittoria. Dopo un avvio abbastanza equilibrato arriva la prima occasione al 23′ col tiro dal limite di Barrenetxea respinto provvidenzialmente da Diego Lopez, i catalani provano a replicare al 39′ siglando l’1-1 ma il direttore di gara annulla con l’ausilio del VAR così si va a riposo sullo 0-0. Nel secondo tempo l’Espanyol sblocca il punteggio al 58′ col missile dalla lunga distanza di Rosales che trafigge Rulli, i padroni di casa continuano ad attaccare e al 65′ Lei Wu raddoppia le marcature con un tiro a giro sotto al sette. Nel finale di gara non arriva la reazione ospite così i catalani si aggiudicano la sfida.

 

Getafe-Villarreal. I padroni di casa proveranno a riprendersi la Champions tra le mura amiche, mentre il Sottomarino Giallo già salvo cerca il colpaccio esterno. I madrileni provano ad alzare il ritmo sin dalle prime battute e al 13′ sbloccano il punteggio col tiro a fil di palo di Francisco Portillo, la replica del Submarino Amarillo arriva al 22′ col pareggio siglato da Hugo Duro ma l’arbitro annulla per offside con l’asiuto del VAR. Nel finale di tempo il Villarreal riesce a siglare l’1-1 col colpo di testa di Iborra che chiude il primo tempo in parità. Nella seconda frazione il Getafe alza il ritmo alla ricerca del vantaggio e al 76′ Maksimovic riporta i madrileni avanti con un preciso colpo di testa, nel finale però Gerard Moreno pareggia i conti con un semplice tap-in che chiude la sfida sul 2-2.

 

Siviglia-Athletic Bilbao. Gli andalusi sperano nella sconfitta di Valencia e Getafe per raggiungere la Champions, mentre gli ospiti cercano l’imposizione esterna. La prima occasione dell’incontro arriva al 12′ col diagonale di Inigo Martinez largo di poco, la replica andalusa arriva al 31′ col sinistro da fuori di Franco Vazquez a lato di un soffio. Nel finale di tempo Ben Yedder si libera in area e sfruttando un batti e ribatti sblocca il punteggio chiudendo i primi 45 minuti. Nella ripresa Gabriel Mercado riesce a raddoppiare le marcature ma l’arbitro annulla tutto con l’ausilio del VAR, al 74′ Ben Yedder si libera in area e con un tiro a incrociare sfiora il palo. Nel finale il Siviglia alza l’intensità trovando il secondo goal con perfetto tap-in di Munir El Haddadi che chiude la sfida sul 2-0 andaluso.

 

Valladolid-Valencia. I padroni di casa proveranno a chiudere l’anno con una vittoria, mentre i valenciani per andare in Champions devono espugnare il Municipal José Zorrilla. La prima occasione dell’incontro arriva al 10′ col tiro al volo di Gaya sugli sviluppi di un angolo ma la sfera sorvola di poco la traversa, il valencia col passare dei minuti alza sensibilmente il proprio baricentro e al 36′ Carlos Soler si presenta solo davanti al portiere e sblocca il punteggio chiudendo il primo tempo sull’1-0 valenciano. Nella ripresa il Valencia sigla il raddoppio con Rodrigo che presentatosi solo davanti al portiere non perdona, col passare dei minuti il Valladolid ma la retroguardia di casa non concede nulla. Nel finale non arriva la reazione ospite così al triplice fischio il Valencia festeggia al Mestalla la qualificazione in Champions League.

 

Alavés-Girona. I padroni di casa già salvi vogliono salutare il pubblico di casa con i 3 punti, mentre i catalani terzultimi cercano la vitoria sperando nella sconfitta del Celta Vigo. La prima occasione del match arriva all’11’ col missile di Jonathan Calleri alto di un soffio, il Girona replica al 29′ col tiro ravvicinato di Soni ma la sfera termina a lato di pochissimo. Nel finale di tempo Wakaso calcia di prima intenzione battendo l’incolpevole Iraizoz per l’1-0 dell’Alavés che chiude la prima frazione. Nella ripresa l’Alavés continua ad attaccare e al 65′ Marin si libera al tiro e calcia sfiorando il palo, col passare dei minuti il ritmo si alza e all’83’ Calleri raddoppia le marcature con un siluro imparabile. Nel finale Portu accorcia le distanze con un tiro a botta sicura che chiude la sfida sul 2-1 per la formazione di casa.

 

Celta Vigo-Rayo Vallecano. I galiziani vincendo o pareggiando sarebbero certi della salvezza, mentre gli ospiti già retrocessi cercano l’ultimo acuto della stagione. La prima palla goal arriva al 17′ col colpo di testa di Maxi Gomez largo di pochissimo, il Rayo Vallecano replica al 28′ guadagnandosi un penalty che lo specialista Adri Embarba trasforma per l’1-0 ospite. Nel finale id tempo non arriva il pareggio galiziano così al duplice fischio si va nelgi spogliatoi col vantaggio del Rayo. Nel secondo tempo il Vallecano continua ad attaccare e al 71′ raddoppia le marcature col tiro dal limite di Medran, il Celta prova in tutti i modi a rientrare in partita e all’82’ Iago Aspas trasforma un penalty per il 2-1. Nel finale lo stesso Aspas sigla il pareggio con un tiro a fil di palo che chiude la contesa sul definitivo 2-2.

 

Huesca-Leganés. I padroni di casa già retrocessi cercano la vittoria per chiudere bene l’anno, mentre i madrileni cercano la vittoria esterna per scalare qualche posizione. Il primo brivido del match arriva all’11’ con Vesga che solo in area si divora il vantaggio sprecando clamorosamente, al 25′ Moi Gomez cerca il goal per i padroni di casa ma l’estremo difensore ospite si supera in tuffo. Nel finale di tempo Mantovani beffa il proprio portiere nel tentativo di liberare l’area per l’1-0 del Leganés che chiude i primi 45 minuti. Nella ripresa l’Huesca reagisce pareggiando i conti col colpo di testa sotto al sette di Mantovani che riscatta l’autorete precedente, i pepineros non riescono a replicare così la squadra di casa cerca la vittoria. Nel finale di gara Mantovani svetta più in alto di tutti e di testa batte Lunin siglando la personale doppietta che chiude la sfida sul 2-1 per l’Huesca che saluta la Liga.

 

Classifica provvisoria: evidenziate le squadre con una gara in meno

Barcellona 86-Atletico Madrid 76-Real Madrid 68-Valencia 61-Getafe 59-Siviglia 59-Espanyol 53-Athletic Bilbao 53-Real Sociedad 50-Alavés 50-Betis 47Eibar 46-Leganés 45-Villarreal 44-Levante 44-Valladolid 41-Celta Vigo 41-Girona 37-Huesca 33-Rayo Vallecano 32

 

A cura di Emilio Quintieri

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.