Lorenzo non ci sta: “Una volta è casualità, di più mi viene il sospetto!”

0

Il suo allenatore lo aveva denunciato, Lorenzo Insigne non ne aveva, invece,  mai parlato, ma, una volta postagli la domanda, non si nasconde e esprime il suo pensiero, o meglio, le sue sensazioni in merito: «Le botte che ricevo al ginocchio operato? Non penso che siano frutto del caso, non voglio far polemica perché ora è passato, ma non penso che quelli che ho ricevuto nelle ultime settimane siano stati tre falli casuali». Il numero 24 azzurro, poi, archivia definitivamente il discorso sulla sua rabbia: «Ho già chiesto scusa ai compagni e a Sarri, così come in questa partita ho chiesto scusa ai tifosi allo stadio applaudendoli». Sul ruolo, poi «Ho sempre giocato esterno sinistro nel 4-3-3: con Sarri sto facendo bene, m’impegno al massimo ovunque devo giocare. Io oppure Mertens a destra? Ripeto, gioco dove vuole il mister: a sinistra o a destra non ci sono problemi, l’importante è dare il meglio per la squadra». Non ha segnato contro il Midtylland ma ha ispirato i primi due gol azzurri. «Abbiamo fatto una grande partita di squadra, siamo stati uniti fino alla fine senza subire gol e se continuiamo così possiamo arrivare fino in fondo. Segno più gol? Non giocavo in questo ruolo da ormai tre anni, con questo modulo mi sto esprimendo meglio e vengo aiutato anche in fase realizzativa. L’anno scorso con Benitez sono cresciuto molto in fase difensiva». Il paragone tra i due allenatori. «Benitez e Sarri sono due allenatori diversi, adottano due moduli diversi. Sarri ci sta insegnando tanto e ci chiede di tenere la palla, ci trasmette la sua grinta e la sua fame, e noi cercheremo di seguirlo fino alla fine».  L’attaccante napoletano parla degli obiettivi e di Gabbiadini. «Speriamo di arrivare il più lontano possibile in Europa cercando di fare meglio dell’anno scorso. Anche chi gioca di meno sta dimostrando di meritare il posto da titolare. Gabbiadini? È un bravo ragazzo e sta lavorando tanto, questo è importante perché siamo un grande gruppo. Ora la partita contro l’Udinese non sarà da sottovalutare». Scherza su Reina. «Chi gli insegna il napoletano? Lui ha tanti amici a Napoli che gli danno lezioni…» E sul Napoli di Maradona. «L’ho visto in video ed era un grande Napoli, noi dobbiamo rimanere con i piedi per terra perché siamo ancora a zero». Lo si legge su Il Mattino

Factory della Comunicazione

La Redazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.