Barbano: “Adda passà ‘a nuttata, ma la notte è ancora lunga”

0

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport, è intervenuto Alessandro Barbano, condirettore del Corriere dello Sport: “Il Napoli è in pieno allarme, ormai. Il quadro è quello di una squadra smarrita e sfiduciata, che ha sbagliato due volte nella scelta dell’allenatore. Al netto della buona volontà di Mazzarri, i risultati sono deprimenti. La scelta di modelli di gioco all’antitesi dell’identità del Napoli sono la prova di quanto sta accadendo. Questa squadra è abituata a giocare all’attacco, ma spesso i comportamenti dei singoli sono fuori controllo. Ognuno gioca per sé, non esiste più un collettivo: guardate quando Politano tira, togliendo quasi un rigore in movimento a Kvara… È simbolico. Questa è la differenza che c’è col Bologna, per dirne una, dove si fa gara a mettere il compagno davanti alla porta. Mazzarri c’ha messo del suo per riattaccare il Napoli, ma non sta bastando e non può bastare. La società è dietro a questo scollamento, ha calcolato male il post Scudetto: tutto è andato sfaldandosi. Ieri è bastato un corridoio al Milan per battere il Napoli, al quale manca un centrale veloce capace di rimediare a certi buchi. Adda passa’ a nuttata, ma la notte è ancora lunga. Esonero Mazzarri? Spetterà alla società capire se sia il caso o meno. Quello che vedo è che questa guida tecnica non è stata in grado di ribaltare quanto visto con Garcia, anzi l’ha incancrenita. E non vedo un disegno venir fuori per rilanciare il Napoli. Vedo solo un tentativo disperato di ridare slancio alla squadra. Poi ci sono le scelte… Simeone è stato sostituito poco dopo aver sfiorato il gol. Avrei tolto Zielinski per Raspadori, con la pressione della società che si fa sentire in queste decisioni. Faccio fatica a pensare che questo Mazzarri possa rimontare 7 punti in classifica e superare il Barcellona in Champions. Il quarto posto? Ormai solo un miracolo può cambiare tutto, ma è quasi impossibile. L’Atalanta è diventata stellare, grazie al disegno di Gasperini, senza contare tutte le altre che seguono”.

Factory della Comunicazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.