Marcolin: “Il cambiamento di modulo non crea confusione anzi……………..”

0

“Il Napoli ha creato una situazione per cui contro determinate squadre puoi giocare a tre in difesa, ma quando giochi in casa con le squadre come il Verona, il 4-3-3 è la filosofia con cui è stata costruita la squadra e che esalta le qualità dei singoli calciatori. Cambiare modulo non crea confusione: il 4-3-3 dà un segnale offensivo alla squadra, lanciando il messaggio ‘Andiamo a vincere’. Anche Guardiola – ha detto l’ex azzurro e opinionista Dazn nel corso di Marte Sport Live, in onda su Radio Marte – cambia modulo a seconda delle squadre. Se il Napoli non vince con il Verona è un problema grande: la partita di domenica può diventare un buon rilancio per gli azzurri davanti ai propri tifosi. C’è tanto in questa partita. Il Verona sa giocare, è una squadra che gioca a calcio nonostante sia stata smantellata. In una stagione così complicata che ha visto anche il cambio allenatore, ci può stare anche una certa duttilità tattica derivante dal colloquio tra tecnico e calciatori. Resta però fuori di dubbio che la squadra azzurra è costruita per il 4-3-3, e soprattutto il tridente offensivo non può essere sacrificato, neanche le prime in classifica hanno un trio come Kvaratskhelia, Osimhen e Politano. Rrahmani-Jesus contro il Verona? Senza ombra di dubbio, perché vanno sul piede naturale. Sono proprio loro che devono comandare la difesa, su cui ha lavorato tanto Mazzarri. Per quanto riguarda i mercato di gennaio il difensore serviva ma spendere 16 milioni per Perez non era così conveniente, condivido l’idea di tenersi Ostigard. Il norvegese ha cattiveria, anticipo, qualità nell’anticipo aereo: secondo me il Napoli ha risparmiato 16 milioni di euro”.

Factory della Comunicazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.