Napoli-Empoli, un thriller già scritto: una squadra sapeva cosa fare, l’altra no

Il Napoli si perde in casa propria e suona il requiem all'avventura partenopea di Garcia

0

Il gol di Kovalenko al 91′ è la pietra tombale: l’era Garcia è finita e il Napoli è stata la sua vittima sacrificale. Il Napoli ha provato a vincerla con i tiri di Politano, Lindstrom e Kvaratskhelia, che ha messo in mostra tutti i colpi possibile per cercare di vincerla, ma Berisha ha detto no e subito dopo l’Empoli ha trovato il gol con un’azione corale, coronando una partita dove la squadra toscana ha messo in mostra le sue idee senza concentrarsi sul punto, ma continuando a giocare per provare a vincerla. I partenopei, invece, hanno provato a fare qualcosa individualmente, ma è apparso sempre confusionario e incerto, incapace di capire cosa fare. Alla sosta il Napoli avrà Atalanta, Real Madrid, Inter e Juventus, tutte in trasferte tranne la squadra di Inzaghi: forse è così visto che gli azzurri ne hanno perse 3 delle ultime 5 in Serie A. Inspiegabili le scelte di formazione del tecnico francese, che lascia Kvaratskhelia in panchina, ma la sua colpa più grande è aver provato a imporre da subito le sue idee senza capire il momento.

Factory della Comunicazione

Fonte: Il Mattino

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.