Lucio e le prove di distensione con Totti: «Se gli fa piacere, ci risentiremo»

Parole distensive del tecnico di Certaldo nei confronti del "Pupone"

0

Diciamoci tutto: e magari un giorno accadrà. I panni smetteranno di volare e questo clima che s’avverte, e pare impregnato di sincerità, quasi fosse una pacificazione pure con se stesso, finirà per celebrare qualcosa, forse un chiarimento, una stretta di mano. Quando Napoli-Roma s’avvicina, Luciano Spalletti e Francesco Totti si ritrovano (inevitabilmente) nel chiacchiericcio della vigilia, perché c’è poco da fare, i pensieri virano verso di loro e quel tormentato finale avvolto nella turbolenza. Disse il pupone, il 16 dicembre scorso, in pieno clima natalizio, con uno slancio pure assai affettuoso: «Mi piacerebbe parlare con Spalletti e sono certo che ricapiterà. Con lui mi sono espresso al massimo, mi ha cambiato ruolo e abbiamo avuto un grande rapporto. Mi è dispiaciuto averlo finito in quel modo. E’ sempre uno dei migliori allenatori in circolazione e nessuno mette le squadre bene in campo come lui». Questi sono assist degni del Totti calciatore, sovrastato dall’uomo che ha offerto – quaranta giorni dopo – la possibilità a Spalletti di allungare la propria mano o di liberare le linee telefoniche, intasate per anni. «Se Totti ha piacere di riparlare con me, può essere solo un piacere per me poter riparlare con Francesco». Qualcuno dica a Totti che intanto il numero del cellulare è cambiato.

Factory della Comunicazione

Fonte: CdS

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.