Aurelio e il pacco di Amazon, Il miliardario Bezos già sponsorizza il Napoli

Si discute in città!!!

0

La sottile penna di Mimmo Carratelli parla della questione Amazon e del futuro del Napoli del presidente De Laurentiis

 

Factory della Comunicazione

“Preoccupazioni, ansie e speranze allo chalet di Peppino cameriere a Mergellina e interrogativi multipli e vari mentre si accavallano nel golfo notizie e nuvole, indiscrezioni e fake-news, Amazon prime e dopo. Mosè non parla a Michelangelo, il paggio Fernando guarda Iolanda e non favella, il viaggiatore non parla al conducente. Non parla neanche Aurelio, esordisce Salvatore pittore di alici. Silenzio incantatore, accenna don Peppino parcheggiatore allusivo.  

Il silenzio di Aurelio cala sullo chalet di Peppino cameriere come una cappa, una spada, un’angoscia pesante, una sospensione del tempo. L’uomo in eterna agitazione che voleva dare un pugno a Reja, che litigava con Mazzarri, che picchiò su Sarri a Madrid, che faceva James Bond con Ancelotti, che mostrava il muso a Gattuso, la barba fremente e la lingua sempre parlante, ora tace.  
S’è stufato del pallone, ipotizza Gennaro Piromallo salumiere. C’è sotto qualcosa, insinua Giacomo Frollo pasticciere alla Pignasecca. Sta arrivando Amazon per prendersi il Napoli, rivela senza cognizione di causa don Ciccio portiere di palazzo. Amazon, allora è un pacco, sottolinea con deplorevole ovvietà Salvatore pittore di alici. Si dice, informa il direttore di centro commerciale Totonno Speranza, e io qui lo dico e qui lo nego, si dice. Dite, dite, invoca Carminiello ‘a rezza pescatore di fravaglia. Si dice che tempo verrà e Amazon si prende il Napoli, conferma Totonno Speranza direttore di centro commerciale. Il nome di Amazon è già sulla manica sinistra delle maglie del Napoli, osserva Pasquale Pazienza giornalista on-line. Aurelio gli ha dato una manica e Amazon si prende tutto il braccio e il Napoli, commenta don Ciccio portiere di palazzo.  
Jeff Bezos il padrone di Amazon è il secondo uomo più ricco della Terra, sospira don Peppino parcheggiatore allusivo. Bezos mucho se si prende il Napoli, esclama Carmelo Piromallo salumiere entusiasta. E Aurelio che cosa farà, chiede Saverio Malaspina ragioniere. Farà il presidente a orario, dice don Peppino parcheggiatore allusivo. Vorrete dire onorario, corregge Carmelo Mirabello regista di teatro popolare.  
Veramente Aurelio cede, domanda Carminiello ‘a rezza pescatore di fravaglia. Sta facendo il Bari e il dispari, insinua don Ciccio portiere di palazzo. Si tiene il Bari e molla il Napoli, ragiona Salvatore pittore di alici, non ci posso credere. È deluso perché non gli vogliamo bene, afferma Gennaro Piromallo salumiere. Perché a Bari gli vogliono bene, chiede Saverio Malaspina ragioniere.  
Voleva vincere lo scudetto e i poteri forti glielo hanno impedito, voleva fare lo stadio nuovo e non glielo hanno fatto fare, voleva fare un’isola artificiale in mezzo al golfo con casinò e palme di bambù e glielo hanno negato, è giusto che molli, commenta Pasquale Pazienza giornalista on-line. Voleva fare la Scugnizzeria ma gli scugnizzi non si sono presentati, voleva creare 17 stabilimenti balneari davanti ai grandi alberghi di via Caracciolo e gli hanno detto no, voleva fare un porto a Torre Annunziata per i turisti diretti a Pompei, niente, non si fa, voleva la Mostra d’Oltremare per farne la Cittadella del Napoli, negata, voleva comprarsi la Circumvesuviana in crisi e non gliela hanno venduta, aggiunge Saverio Malaspina ragioniere.  
Non gli abbiamo dato niente, sottolinea contrito Giacomo Frollo pasticciere alla Pignasecca. Gli abbiamo dato Insigne, protesta don Ciccio portiere di palazzo. La goccia che ha fatto traboccare il caso, commenta Salvatore pittore di alici. Il caso di Pandora, conclude Gennaro Piromallo salumiere, se ci mettiamo gli ammutinamenti, le polemiche, gli striscioni contro e quell’offesa storica di pappone”.  

 

Fonte: CdS

 

 

 

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.