ESCLUSIVA – Intervista al presidente L. Santoro, della Blue Devils

0

ESCLUSIVA – Intervista al presidente della Blue Devils, il Sig. Luigi Santoro,  racconta ai microfoni di Antonio Pisciotta per #ilnapolionline.com la scuola calcio e la sua progettualità:

Factory della Comunicazione

Qual’è il progetto della Blue Devils?

“Sono 8 anni e soprattutto dalla nostra nascita che il nostro progetto, tra mille difficoltà, riesce ad essere apprezzato da tanti e non da tutti. La MISSION è quella di creare  campioni nella vita e sogniamo però senza nasconderci di annoverare anche qualche campioncino nello sport. Ad oggi e soprattutto nelle ultime 3 sessioni di trasferimenti abbiamo circa 25 atleti tesserati il Lega Pro, Serie B e Serie A.

EsclusivaTi segnalo Vincenzo Sequino difensore centrale (classe 2006 al 4°anno al Genoa e capitano dell’Under 15 nazionale); Vincenzo Avolio difensore centrale ( classe 2005 pilastro degli UNDER 17 del Benevento e in grande crescita); Vincenzo Ambrosca attaccante di 187cm a Frosinone; Simeoli portiere di 190 cm al Benevento calcio; soprattutto abbiamo 2 atleti al Pordenone Calcio, in 100 anni di storia per la prima volta hanno tesserato 2 atleti di Napoli. Botte centrocampista mancino classe 2006 e Carmine Bottoni portiere di 192 cm classe 2005.”

Perchè un genitore dovrebbe scegliere la Blue Devils?

“Per l’ambiente e per le qualità umane dello staff che ha grandi contenuti tecnici; fondamentalmente sono persone di qualità che amano i nostri Diavoli Blu. Probabilmente di calcio siamo gli ultimi arrivati ma siamo i numeri 1 se si parla di valori ed educazione.”

Ci racconta un aneddoto che ricorda con piacere?

“Più che un aneddoto posso raccontarti dell’identificazione, dell’amore per la maglia che i nostri ragazzi portano sempre con loro. Con piacere ricordo che ogni estate, i nostri atleti tesserati per club professionistici, tornano con piacere alla Blue Devils. Organizziamo sempre un pomeriggio in campo e una serata all’insegna dell’amicizia. Si ritorna sempre dove si è stati bene.”

Come può il calcio essere esempio ai giorni d’oggi?

“È difficile perché i campioni di oggi non sono i campioni di ieri. I vari Del Piero, Criscito, Hamsik, Nesta, Maldini, e tanti altri,  sono sempre di meno e l’avvento dei procuratori ha dato lo scossone finale. Di procuratori seri ce ne sono veramente pochi e sono la fortuna dei propri assistiti. Abbiamo bisogno di esempi ma il discorso è ampio, soprattutto è un problema sociale e non basterebbero 2 giorni per sviscerarlo.”

Ci può anticipare qualche novità, riguardante il futuro?

“Siamo felici del nostro operato e stiamo studiando per poter ufficializzare a breve il nuovo Progetto Quality. Ovviamente negli ultimi anni siamo cresciuti tanto soprattutto grazie ai nostri tornei legati alla Società Bdf.
Ospitare Juve, Roma e a breve il Liverpool e tante altre big ci ha permesso di far comprendere ai direttori del Nord che siamo gente perbene e non pallonari.”

Premi qui per seguire altre notizie

Intervista esclusiva a cura di Antonio Pisciotta
RIPRODUZIONE RISERVATA ®

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.